Festival delle Scienze 2014: Noam Chomsky a Roma

Al Festival delle Scienze, oggi e domani c'è 'serata speciale'. Appuntamento con Noam Chomsky. Uno dei più grandi filosofi viventi.

unnamed (21)


Sarà che l'ho affrontato all'Università, ma l'idea di vederlo e ascoltarlo di persona mi rende quasi nervoso. Stasera, poi domani, al Festival delle Scienze di Roma ci sarà un grande incontro.

Si comincia oggi alle ore 21. Sala Sinopoli. La serata speciale con Noam Chomsky. Le storture del mondo globalizzato nelle analisi del grande filosofo. Una talk-opera con e su Noam Chomsky di Emanuele Casale.

Conversazioni con Chomsky è un’opera musicale con personaggi che "interpretano" se stessi, senza recitare una parte, in un palcoscenico virtuale che è il video. Varie figure si susseguono e si intrecciano in un clima in bilico tra realtà ed evocazione: il linguista/attivista Noam Chomsky, studioso di fama internazionale e docente al M.I.T, nomi storici come Margaret Thatcher, Milton Friedman, Ronald Reagan, Salvador Allende e anche studenti universitari.

Non è un'opera di propaganda politica, Conversazioni con Chomsky tenta di far confluire alcune tematiche legate all'attivismo dentro un tessuto audiovisivo vagamente ispirato quasi al melodramma. Il tema centrale è l'attuale contrapposizione tra due impulsi presenti nei singoli individui e nelle società: collettivismo e aiuto reciproco da una parte, competizione e individualismo dall'altra.

Già nel corso dell’incontro con la stampa il grande linguista ha anticipato alcuni dei temi che saranno affrontati nel corso dei due appuntamenti con il pubblico romano (entrambi esauriti): la talk opera in scena questa sera e quindi la lectio magistralis prevista domani sera in Sala Petrassi.

Per quest’ultimo appuntamento è stato addirittura predisposto uno schermo nel foyer per dare modo a tutti coloro che non fossero potuti accedere in sala, di assistere alla conferenza.

Tra le altre affermazioni, Chomsky ha dato un giudizio assai drastico sulle democrazie europee, “al collasso totale”, spesso gestite da “burocrati di Bruxelles”. Le conseguenze di questa situazione potrebbero essere molto gravi, fino all’insorgere di governi totalitari.

Molto critico col neoliberismo imperante, il grande linguista lo ha definito “un attacco alle popolazioni mondiali”. Secondo un recente rapporto di Oxfam, la ricchezza è nelle mani di un numero sempre più ristretto di persone: “85 persone al mondo detengono la stessa ricchezza di 3 miliardi e mezzo di esseri umani”.

Anche sul fronte dell’informazione la situazione è veramente desolante. Rispetto alle sue precedenti venute in Italia, Chomsky rileva che oggi è sempre più scarsa la diffusione di notizie internazionali o di carattere non locale.

  • shares
  • Mail