Roma - Notte di esplosioni per un giorno caldo, anche per la visita di François Hollande a Papa Francesco

Notte di esplosioni a Roma, tra la bomba in centro, un incendio a Monte Mario, per un giorno caldo, anche per la visita di François Hollande a Papa Francesco.

ITALY-POLITICS-GOVERNMENT-FEATURE

Dopo tanti falsi allarmi bomba, il risveglio dei romani nell'ultimo giorno utile per pagare Mini Imu e TARES è stato accolto da dall'esplosione di un ordigno che ha danneggiato almeno cinque auto in sosta in pieno centro storico; quello di una minibombola di gas con relativo incendio e vittime nel residance abitato in parte da immigrati a Monte Mario.

Una notte di esplosioni che inaugura una giornata 'già calda' per la nuova allerta meteo, strade allagate e traffico da incubo, con lo sciopero dei trasporti rinviato solo in parte.

Questo in una giornata già rovente per l'arrivo in città (blindata) del presidente francese François Hollande per una visita a Papa Francesco, che punta a mantenere buoni i rapporti tra gli ambienti cattolici transalpini e i provvedimenti del governo socialista in materia di matrimonio omosessuale, adozioni, fine vita e aborto.

Al momento non si esclude neanche una sorta di avvertimento celato dall'esplosione dell'ordigno artigianale, avvenuta questa notte in vicolo della Campana, nei pressi di una fondazione francese legata all’ambasciata dell’Eliseo presso la Santa Sede.

L'esplosione della piccola bombola di gas che ha innescato il grosso incendio nel residence di mini appartamenti, abitati in gran parte da immigrati, in via Pieve di Cadore, ha invece ucciso un uomo, il cui corpo non è stato ancora recuperato, mentre tra i feriti sono trasportati all’ospedale San Filippo Neri c'è anche un agente di Polizia che ha prestato i primi soccorsi, nell'edifico che è già stato protagonista di un incidente analogo che anni fa uccise due persone.

E la giornata è appena iniziata nella capitale bagnata dalla pioggia ...

Via | Crimeblog

  • shares
  • Mail