Gita fuori porta: per l’Immacolata nel Lazio è già Natale!


Tradizione vuole che a Roma l’8 dicembre, Festa dell’Immacolata, sia finalmente lecito pensare al Natale imminente: le famiglie si ritrovano a tavola e, approfittando della giornata di festa, allestiscono insieme il presepe e addobbano l’albero di luci e festoni.

La società del consumismo ci ha abituati, ahimé, a pensare al Natale quando si è ancora in ottobre, ma dal momento che non è questo il luogo adatto per fare polemiche, ci arrenderemo allo shopping, ma con il nostro consueto criterio, che ci porta ben oltre il Raccordo anulare e senza rinunciare alle atmosfere profumate di muschio, cannella e cioccolata calda… anche se non siamo a Bressanone.

In provincia di Roma l’offerta è piuttosto ricca: nel centro di Frascati (fino al 7 gennaio 2011) andrà in scena Magico Natale, un tradizionale Christkindlmarkt tirolese completo di 40 casette in legno addobbate, riscaldate e illuminate da splendidi oggetti di artigianato per un regalo diverso. E poi la casetta di Babbo Natale e la Befana per i più piccoli, il presepe vivente e i modellini delle scuole locali… speriamo solo di non trovare il vino dei Castelli al posto del classico vin brulé!

Fino al 9 gennaio Fiumicino si trasformerà nella Città di Babbo Natale, con stand gastronomici e di oggettistica per i grandi e gli assistenti elfi che aiuteranno i bambini nella scrittura della tradizionale letterina, nella decorazione di palline per l’albero di casa, o nella pittura di una parete natalizia. E non perdetevi la Babbo dance…

Per curiosare: si chiama proprio così il mercatino di Natale di Tivoli, dove protagonisti sono il collezionismo, l’arte, l’antiquariato e il modernariato. Ce n’è per tutti i gusti, quindi, e clou della manifestazione sarà il concorso La Gioia del presepe, allietato da concerti di canti di Natale.

Pane, olio, vino nuovo e prodotti tipici, invece, animeranno Ciocco Natale, la kermesse a tema di Canale Monterano, per la quale dovremo aspettare domenica 12 dicembre; nel frattempo, però, a Sant’Angelo Romano, mercatino natalizio mangereccio e non, sfilata di moto d’epoca, degustazioni di polenta e Il Rigiocattolo, donazioni di giochi usati per i bambini poveri. Ma tutto questo solo all’Immacolata.

Spostiamoci ora nella provincia di Viterbo: solo per oggi a Monterosi l’appuntamento Nataleinpiazza con vendita di statuine per il presepe, decorazioni per la casa, il baratto dei giocattoli usati, dolci e vino caldo per tutti. A Bagnaia, in piazza XX Settembre, sotto il grande Albero si svolge Apettando il Natale: al tramonto, dopo aver assistito alla preparazioni della ricotta da parte di pastori, arriverà babbo Natale per accendere le luminarie.

Bellegra, invece, si tinge di sudtirolo: tra i più fedeli alla tradizione altoatesina, infatti, il suo Mercatino di Natale che offre lavori in decoupage, ceramica e assaggi di bruschetta, cioccolata calda e vin brulè. In programma anche spettacoli di intrattenimento sullo sfondo del grande albero alto 15 metri e una pista di ghiaccio dove poter pattinare.

Aria di festa anche nel Reatino: a Poggio Mirteto oggi il VII Mercatino di Natale che fa da suggestiva cornice alla sagra della padellaccia, uno spezzatino di maiale alle erbe aromatiche cucinato con l’olio della Sabina; Ponticelli, invece, piccolo borgo medievale della zona, si tramuterà nel Paese di Babbo Natale che aprirà le cantine storiche, nonché la sua casetta all’esterno della quale è parcheggiata una slitta vera! Magie di Natale anche a Casperia, con tanto di via dei presepi, animazioni per bambini e stand dove degustare dolci natalizi.

Anche la provincia di Frosinone gioca le sue carte: a San Vittore nel Lazio oggi sarà illuminato l’Albero di Natale più grande del mondo, che resterà acceso fino all’Epifania sul versante ovest del Monte Sammuco: 490 metri di altezza e una superficie pari a 8 campi da calcio. A Sant’Elia Fiumerapido, infine, Il Presepe nei forni: presepi artigianali allestiti nei forni dove anticamente le massaie cuocevano il pane.

Per gli amanti dell’arte sacra che non possono andare a Napoli, da non perdere la Mostra internazionale dei presepi e dell’arte presepiale di Monteporzio Catone (fino al 9 gennaio) che culminerà con l’apertura del presepe in Duomo la notte del 24; ma anche il Gruppo della Sacra Famiglia nella chiesa dei Cappuccini ad Albano Laziale, eseguita da allievi del Bernini, o il presepio vivente a S. Antonio a Palestrina e quello parrocchiale a San Gregorio da Sassola.

A metà fra sacro e profano la manifestazione Greccio… il Presepio: nella località dove San Francesco allestì il primo presepe vivente nella notte di Natale del 1223, una mostra-mercato dell’artigianato.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail