È morto il 51enne che si è dato fuoco in Piazza San Pietro

Era stato aiutato da un sacerdote gesuita e dagli agenti in servizio nella Piazza, ma dopo qualche giorno di agonia ha perso la vita.

L'uomo che giovedì scorso si è dato fuoco in Piazza San Pietro è morto ieri mattina presso l'ospedale Sant'Eugenio di Roma dove era stato ricoverato a causa delle gravi ustioni sul 50 per cento del corpo. A differenza di quanto detto inizialmente dalle agenzie di informazione, non era un ambulante, ma lavorava come addetto alle pulizie all'ospedale Santo Spirito. Il suo gesto disperato sembra essere dovuto a problemi di salute e a rapporti difficili con i famigliari.

Piazza San Pietro: si dà fuoco in Piazza San Pietro


Giovedì 19 dicembre 2013

Questa mattina, poco prima delle 9, un uomo di circa 50 anni, che di professione fa il venditore ambulante e risiede a Tor Marancia, si è dato fuoco in Piazza San Pietro. Prima si è cosparso di liquido infiammabile e poi ha acceso con un accendino trasformandosi in pochi istanti in una torcia umana. Subito è intervenuto un sacerdote gesuita che in quel momento stava andando a lavorare e che ha prontamente gettato sull'uomo il suo mantello e la giacca per spegnere le fiamme.

Immediatamente sono intervenuti anche gli agenti che erano di pattuglia in Piazza e che sono scesi dalla loro auto per aiutare l'uomo con una coperta e con l'estintore. In appena 30 secondi è stato tutto spento, poi è arrivata un'autoambulanza a bordo della quale l'uomo è stato portato all'ospedale Santo Spirito e poi trasferito al Sant'Eugenio perché presenta ustioni gravi nella parte superiore del corpo. Gli agenti hanno riportato ustioni alle mani e problemi di respirazione.

Ora sul caso sta indagando la magistratura. L'uomo aveva con sé un foglio su cui aveva scritto il numero di telefono dei figli. Gli investigatori potranno usufruire delle riprese effettuate dalle telecamere di sorveglianza che vigilano notte e giorno su Piazza San Pietro e dalle quali si vede il momento in cui l'uomo arriva dal lato di Piazza Pio XII, forse già con i vestiti zuppi di liquido infiammabile.

Non è la prima volta che un uomo si dà fuoco a Piazza San Pietro, è successo anche il 13 gennaio 1998 e il protagonista del gesto fu un 40enne originario di Caltanissetta, Alfredo Ormando, che protestava contro l'incomprensione per la sua omosessualità. Morì circa dieci giorni dopo a causa delle gravissime ustioni su tutto il corpo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail