Riaperto oggi al Foro romano il tempio di Venere


Dopo 26 anni di restauri ha finalmente riaperto questa mattina al Foro Romano il Tempio di Venere, il grandioso edificio progettato dallo stesso imperatore Adriano nel 135 dc.

Il monumento è tornato alla città dopo una breve cerimonia officiata dal sottosegretario ai Beni Culturali, Francesco Giro. "E' stato restituito a Roma- sono state le sue parole - un tempio monumentale, fatto erigere dall'imperatore Adriano in persona, cui è riconosciuta anche la paternità del progetto con la doppia cella, rivolta sia verso il Colosseo che verso il Foro Romano. Siamo impegnati qui nell'area archeologica di Roma ad un grande progetto di valorizzazione. Abbiamo aperto percorsi che erano chiusi da anni, oggi inauguriamo il grande tempio di Venere a Roma. A dicembre è prevista la riapertura della Casa delle Vestali e per l'inizio del prossimo anno quella della Villa dei Quintili all'Appia Antica".

La costruzione del tempio, iniziata nel 121, fu inaugurata ufficialmente da Adriano nel 135 e finita nel 141 sotto Antonino Pio. L'opera venne aspramente criticata dall'architetto imperiale Apollodoro di Damasco, uno dei più grandi dell'epoca. Secondo molti l'archistar imperiale pagò con la vita la sua audacia, per altri la sua punizione fu semplicemente l'esilio. Di sicuro c'è che una volta concluso, l'edificio risultò il più grande tempio conosciuto nell'antica Roma. Il tempio subì diversi danneggiamenti: la prima volta a causa di un incendio nel 307. Poi fu restaurato dall'imperatore Massenzio ed ancora sotto Eugenio ma nulla potè contro un terremoto che lo distrusse nel IX secolo. (Seguirà una gallery con le foto degli interni del tempio). Qui altre info sul tempio.

  • shares
  • Mail