Formula 1 all'Eur: dalla Conferenza dei servizi arriva il primo 'no'.

GranPremio di Formula 1 Roma

Niente da fare. Primo 'stop' (senza il 'pit' - passateci la metafora) al progetto. Durante una riunione i tecnici di vari dipartimenti (Mobilità, Urbanistica e Lavori Pubblici), preposti ad analizzare gli interventi strutturali in vista del Gran Premio di Roma hanno infatti esaminato e rifiutato ufficialmente il progetto consegnato da Maurizio Flammini. Il presidente della Federlazio e responsabile dell'organizzazione del circuito dell'Eur si è visto bocciare le sue torri.

La costruzione delle due torri di quattro piani (case e uffici da destinare alla vendita) nell'area verde delle Tre Fontane non può essere realizzata in quella zona. Accolte quindi le proteste di associazioni di quartiere e i comitati anti-Formula1 che lamentavano casi di speculazione edilizia con la presenza di "interessi privati nell'ipotesi dell'organizzazione di un Gran premio a Roma".

Aggiunti anche altri severi 'paletti' ai venticinquemila metri quadrati di cemento previsti da Flammini. Tutti salvi? Neanche per idea: il progetto non è stato respinto in quanto tale. Il 'no' riguarda solo la zona dove sarebbe stato edificato. Quindi si tratta di trovarne un'altra, sempre nel quartiere Eur.

La storia infinita? Sembrerebbe. Dopo l'elegante dichiarazione di Bossi, le proteste e i passi falsi come questo, il Gran Premio di Formula 1 della Capitale continua a creare divisioni e a mettere a dura prova la pazienza dei residenti. Attendiamo la prossima mossa.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: