Roma Criminale: I killer della strada uccidono ancora


Nemmeno una settimana. La tragedia si ripete sulla strada. Ancora una vittima, questa volta la più vulnerabile, quella di chi sfida gli squali motorizzati sui pedali, in bicicletta. Ancora una volta un pirata che colpisce, travolge, uccide e poi scappa. Fugge da vigliacco assassino.

Ieri mattina sulla Cristoforo Colombo, l'autostrada della morte che invece dovrebbe essere solo una strada di raccordo della città, Paolo Cascavilla, 40 anni, ha incontrato il proprio boia, che lo ha trascinato per metri prima di abbandonarlo lì, sul ciglio della careggiata.

Ancora una volta parole di circostanza e cordoglio, e promesse di caccia ai responsabili. Ancora una volta un martire che ricordiamo come simbolo di una lotta contro i mulini a vento, o meglio a benzina. Ancora una volta urliamo a gran voce che alla gente normale non resta che la giustizia privata.

In un questo orrendo mondo di sprechi, di tempo e denaro, per un microtamponamento, c'è chi non soccorre un ferito a morte, e se ne va. A queste persone auguriamo la fine peggiore, senza il minimo dubbio.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: