Metro C: arrivano i nomi delle fermate con gli sponsor?

MetroC diverless

Poco meno di un mese fa, il nostro RondoneR ci aveva proposto un 'gioco' interessante: mettere a confronto gli ingressi delle metropolitane straniere con quelli delle linee romane. Ora arriva una notizia che potrebbe portare il paragone ad un livello difficile anche solo da immaginare: è allo studio, infatti, un'ipotesi per associare ogni stazione della nuova Metro C ad un brand.

Che i contributi degli sponsor fossero fondamentali per il completamento dell'opera, lo sapevamo da tempo. Sempre più lavori pubblici ormai necessitano di investimenti privati: e, quando un privato investe - è evidente - esige un ritorno in termini di immagine e esposizione pubblicitaria. Si guarda a Dubai (paradiso o scempio delle moderne soluzioni urbanistiche?) dove l'esperimento è già realtà: fermate che hanno il marchio di una multinazionale accanto al nome.

D'altronde il costo definitivo dei lavori è di circa 3 miliardi e 500 milioni: cifra importante a cui bisogna poi aggiungere i costi di gestione e manutenzione che, con l'eventuale sponsorizzazione, potrebbero legare azienda e fermata della metropolitana nel tempo. Sarà il 'nome' l'unica richiesta avanzata da chi metterà i soldi? Oppure ci saranno ulteriori pretese? E le stazioni della Metro C saranno integrate nel tessuto urbano o ci toccherà chiudere un occhio come siamo abituati a fare con le invadenti affissioni abusive? Diteci cosa ne pensate nel sondaggio e nei commenti.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: