Roma Bio-Eco-Sostenibile: dall'acquisto Bio al primo Matrimonio Sostenibile

Flickrs_Lady of the Hour_Jack Brodus

Nata da un bisogno impellente e dal desiderio di rendere la mia quotidianità più verde e sostenibile, Roma Bio-Eco-Sostenibile continua a raccogliere i frutti di una costante ricerca e quotidiana sperimentazione, dalla teoria alla pratica, dal web al mercato.

Del resto a fronte di 'scandalacci scandalosi' e sofisticazioni alimentari, il bisogno di genuinità e freschezza ‘certificata’ e garantita cresce per tutti insieme all’ansia per quello che ingeriamo, e al mercato del Bio generato da questo genere di necessità.

Così per assicurare mozzerelle bianche, sicure e bio, e una filosofia produttiva votata al bio-genuino, il Campidoglio ha cominciato a sostenere e valorizzazione i prodotti e produttori agricoli dell’agro romano ristrutturando tenute agricole a partire da Castel di Guido e la Tenuta del Cavaliere con lo scopo di renderle anche fattorie educative, in aggiunta a quelle già avviate nelle Aree Naturali Protette di RomaNatura.

Dal primo ottobre, anticipando la direttiva europea in vigore dal primo gennaio 2012, la Coop si è schierata contro la vendita delle uova di batteria figlie di galline eternamente in gabbia, quindi sugli scaffali dei suoi punti vendita si possono trovare solo uova di galline allevate a terra, all’aperto o biologiche, scelta che il 20 ottobre gli è valsa il “GOOD EGG” della Compassion in World Farming.

Per chi non può o non vuole spostarsi, è possibile acquistare bio rigorosamente a km 0 dal contadino alla tavola, ricorrendo a servizi come Zolle, che settimanalmente consegna a domicilio prodotti alimentari di stagione che arrivano da aziende biologiche che producono con metodo biodinamico e di lotta integrata.

Direttamente on line, con il servizio di e-commerce Green Commerce, si possono anche acquistare in tutto il territorio nazionale i prodotti Bio e Eco di aziende italiane in grado di produrre “un percorso concreto e documentabile di riduzione del proprio impatto ambientale”, con attenzione al km 0, alle energie rinnovabili, alla mobilità sostenibile, ai sistemi di riciclo e riuso dei materiali, allo smaltimento dei rifiuti.

Il cibo biologico a Km zero, e l’utilizzo di alimenti di stagione che assicurano validità dal punto di vista qualitativo e organolettico, sono del resto anche alla base della dieta delle 100 Miglia pubblicata in “The 100-Mile Diet: A Year of Local Eating” e sperimentata a quanto pare per anni dai due autori Alisa Smith e James MacKinnon.

Da venerdì 5 a domenica 7 in piazza San Giovanni, Legambiente e Barilla saranno i promotori del villaggio "Buono per te, sostenibile per l'ambiente" e del percorso interattivo, ludico e gastronomico alla scoperta del modello alimentare ed ambientale della Doppia Piramide, e delle scelte che sono importanti per il nostro benessere e per la salvaguardia del nostro Pianeta.

Sempre Legambiente, domenica 7 novembre dalle 9.30 alle 13.30, sarà in via dei Fori Imperiali (altezza San Pietro in Carcere) per promuovere le fonti rinnovabili, scongiurare il ritorno del nucleare in Italia, e raccogliere firme a sostegno del progetto di legge di iniziativa popolare "per la salvaguardia del clima".

Il Senso della Biodiversità importantissimo per il pianeta e la nostra esistenza, sarà anche il protagonista del percorso sensoriale-cognitivo nella Foresta Amazzonica, ospitato dal Museo Civico di Zoologia con la mostra “Il Senso della Biodiversità – Viaggio nella Foresta Amazzonica”.

Sul fronte della mobilità sostenibile, oltre al focus offerto dal prossimo H2Roma, con congresso scientifico e manifestazione espositiva al Salone delle Fontane il 10 e 11 Novembre 2010, sembra che proprio al Campidoglio di Roma si sia celebrato il primo matrimonio sostenibile d'Europa con sposi in sella a bici elettriche Frisbee, le stesse disponibili in vendita e a noleggio da Ecovia in via del Buonconsiglio 34, per chi sente il bisogno di una pedalata assistita.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail