La Tana della Lupa: Controverso controvento


Probabilmente è stata la prima vera partita giocata dalla Roma. Il che non può essere accolto con tripudio, perché a ben vedere, il rampante Lecce ha avuto diverse occasioni per rendere tutto molto più complicato per i giallorossi di casa. A conti fatti, comunque, la Roma ha meritato ampiamente.

Per la prima volta dall'inizio della stagione, la Roma ha giocato. Sempre. Per tutta la gara. Anche e soprattutto quando era in vantaggio. Ha cercato di chiudere e a tenuto fino alla fine, correndo, tirando, provando. Alleluhia! E' già qualcosa.

Eroe della partita, Burdisso. Anche questo non depone a favore di una reale guarigione del gruppo.. Il bandito prima salva su Corvia (che sbaglia orrendamente, c'è ancora qualcuno che lo rimpiange?) e poi porta in vantaggio i suoi. Praticamente una doppietta. Vucinic fa il resto, nel bene e nel male, dimostrando quanto sia necessaria la voglia di fare la differenza.

Borriello resta il modello da seguire. Carico e sempre propositivo anche quando il destino gli volta le spalle. Migliora il suo dialogo col montenegrino. Totti era in buon spolvero, che ne dicano. Non trova la rete, ma trova i compagni come solo lui sa fare.

Poi, si becca un rosso ingiusto. La reazione in campo è del tutto legittima. E' subito dopo che esagera, quando, pensando al derby, cerca di farsi giustizia da solo. Qui però accade una cosa che solo a Totti succede, perché lui è Totti, appunto, e "tutti", si occupano di lui. Troppo.

Così, se fosse stato Materazzi probabilmente là sotto si regolavano i conti come è capitato a chiunque abbia giocato a pallone. E' una cosa brutta, sporca e cattiva. Ma fa parte del calcio, dove si tirano i calci. E gli sgambetti, quindi le pizze. Invece mezzo mondo si mette a frenarlo manco avesse un fucile, e così ognuno può partecipare all'ennesima lapidazione morale del Capitano. Che sbaglia solo a non capire ancora questi meccanismi che lo rendono ricco.

Meglio così, penserà qualcuno. Probabilmente lo pensa Ranieri, che anche stavolta convince poco (Menez non va sprecato) ma si gode i tre punti e un'ansia amletiana pre-derby in meno che gli avrebbe tolto il sonno. A proposito, lo ribadisco ancora, quello noi lo abbiamo agitato da un po', da quando la Lazio domina il campionato, rovesciando ogni pronostico.

Quest'ultimo ora poi pende male sulla Roma, perché in settimana c'è una partita da dentro/fuori in Champions. E presentarsi alla sfida poi contro la capolista dopo una gara del genere, è piuttosto drammatico. Ma quest'anno va così, tutto alla rovescia.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: