La Tana della Lupa: ritorno alla vittoria

Finalmente si torna ai 3 punti. La Roma batte la Fiorentina. Ritrova la vittoria dopo i quattro pareggi. Il gol di Destro al rientro. E Totti in panchina.

Garcia vince forse la partita più importante della sua stagione. Quella dove doveva dimostrare che non era stato un fuoco di paglia quel record di vittorie. Lo so che è assurdo ma questa è Roma. Siamo capaci di criticare un allenatore che ha già fatto molto di più dei suoi precedenti in sole 15 partite.

La partita con la Fiorentina rappresentava un vero crocevia anche come posizione in classifica. La Roma, contro ogni pronostico, ora rimane lassù senza vertigini, dietro la copertissima Juve prenditutto, in grado di ammazzare il campionato già prima di Natale.

Partita bella ed avvincente. Che l'arbitro tanto per cambiare prova rovinare. Ma stavolta la Roma è più forte, tornano a brillare gli uomini che contano di questa squadra. Un Gervinho super, un Maicon d'annata, un De Sanctis determinante. La ciliegina è firmata Destro. Con il Capitano che sorride dalla panchina.


voti e pagelle

De Sanctis 8 Quando lo vedo a fine partita saltare sulla traversa capisco che ci teneva più di noi. Che spettacolo. Se la prende con la zolla nemica, si fa ammonire perché vorrebbe mangiarsi arbitro e avversari, cerca di mangiarsi anche Dodò, va a togliere il pareggio della Fiorentina sotto il sette, contro sole. Immenso.

Maicon 7,5 Torna a ficcarla. Con gran classe. Nelle conclusioni da quel momento si monta un po' la testa. Poi ci mette il fisico, l'esperienza, la tecnica.

Benatia 7 Ho rivisto il mostro. Ogni pallone alto è suo, anche davanti, peccato che non prenda la porta.

Castan 7,5 Ancora un'ottima prova del centralon. Impeccabile. Mezzo punto per il salvataggio finale su Rossi.

Dodò 6 L'anello debole. La Fiorentina lo punta. Ma non sempre lo supera. Peccato la timidezza propositiva. Un passo alla volta.

Pjanic 6,5 Casca nel tranello Orsato. Che lo aspettava al varco su commissione. Salterà il Milan. Ne sentiremo la mancanza.

De Rossi 7,5 Prendente Daniele con la fascia da capitano e mettetelo davanti alla difesa in 10 contro 11. E godetevi lo spettacolo.

Strootman 7 Che grinta. Ci mette sempre il cuore. Il corpo, la faccia. Mostra i tacchetti presi ad Orsato (che fa finta di nulla). Prende un palo clamoroso. Non si abbatte nemmeno un secondo.

Florenzi 5,5 Incredibile ma vero. Il meno in forma davanti. Esce per Destro 7 Entra ed è così carico che inciampa sul pallone. Poi piazza una zampata delle sue con movimento perfetto. Da vero bomber. Dài che abbiamo er 9. Esce per l'espulsione di Pjanic per Bradley 6,5 diligente e caparbio.

Ljaljic 6 Sente molto la partita contro l'ex-squadra. Ma fa il suo dovere. Persino troppo. Così perde in follia ed estro. Esce per Taddei 6 insomma, ce la mette tutta ma l'età è quella. Alla fine spazza alla Tempestilli che é una bellezza.

Gervinho 8,5 E' lui l'arma in più. E che arma. Ad un certo punto va a chiudere su Cuadrado dall'altra parte. E lo ferma. Come credo nessuno abbia mai superato Cuadrado (in velocità).

Garcia 7 Carica la squadra a mille. 11 lupi sul serio. Volevi vincerla a tutti i costi. Il cambio (Taddei per Ljajic) poteva essere un boomerang. Ammettiamolo. A 15 minuti dalla fine vuoi portare a case i 3 punti tirando i remi barca. Ci sta. Ma ringrazia Morgan.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail