La Tana della Lupa: Vittoria e vitamine


In questo freddo autunno, ci tocca mandar giù bocconi amari (il peggiore ieri a Torino) e quindi il brodino di sabato sera fa davvero bene. Soprattutto se condito con piccanti ingredienti come la convinzione e la puntualità di Marco Borriello che fa seguire sempre i fatti alle parole (belle e coraggiose) e la classe di un Capitano che gioca sul campo minato da tutti quelli che aspettano che sbagli anche solo un fallo laterale...

Aggiungi un pizzico di buone novità come il ritorno di Taddei, il ritorno di quel minimo di grinta (Perrotta e Brighi in particolare) e voglia di portare a casa i tre punti che ci servono come il pane, e si può affrontare un tentativo di ripresa. Chiaro, siamo ancora convalescenti, Toni non ha fatto "l'ingrato" (si sarà ricordato quel giorno?), nonostante le polemiche... Montali, unico a parlare, ammette che non siamo fuori dalla crisi.

Quell'ansia a fine gara di rivivere l'ennesima sindrome è un vizio difficile da cancellare. La condizione atletica che rimane un preoccupante fardello di questa stagione. La situazione generale che vede pezzi importanti spesso fuori dalla mischia. E poi ci sono gli spifferi da Trigoria, che sanno far solo tremare i nostri polsi e le loro gambe.

Lo stadio semivuoto fa male. Ma il motivo non è solo la squadra, lo sappiamo bene. Dopodomani c'è un appuntamento importante, sarebbe il caso di superare le nostre personali guerre, per vincere una battaglia insieme. La vetrina europea che conta è l'unica autentica via di salvezza. Chi non lo capisce è un po' tonto. Bello invece l'ingresso con le maglie bentornati ai 33 connazionali del Pec!

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: