Roma Economica, Conveniente, Gratis & Co.: Spesa meno cara

Flickr_Presto che è tardi...nromagna

Risparmiare a Roma è un'impresa difficile ma non impossibile, che richiede certo una notevole dose di esercizio, scarpe comode ed un monitoraggio costante del panorama di offerte e strategie, ambizione e mission di Roma Economica, Conveniente, Gratis & Co., rubrichina ribattezzata con non a caso con questo nome poco originale ma inequivocabile.

Grazie alle mie e vostre avventure e sventure quotidiane come consumatori, bisognosi di mangiare, pagare i conti, gli immancabili imprevisti e magari di tanto in tanto sovvenzionare anche qualche piccola passione/bisogno/svago, ho pensato di iniziare questo viaggio al risparmio con la spesa dei generi alimentari, che bene o male rientra nella sfera dei bisogni e patemi di tutti.

Con la cassetta postale piena di offerte e sconti non sempre reali, per approfittare dei quali bisognerebbe avere a disposizione 7 giorni su 7 solo per fare la spesa e il tour dei punti vendita, e una sana voglia di ridere in faccia (quando sono di buon umore) a chi snocciola consigli pratici come limitarsi a comprare prodotti di sottomarca (non sempre rassicuranti), in offerta (quasi sempre del prodotto che non ti serve) o a fare la spesa all’hard discount (grazie non ci eravamo arrivati da soli), proverò invece a mettere insieme qualcosa di utile per risparmiare davvero, facendo tesoro anche di quanto già suggerito in modo frammentario qua e là.

La maggior parte dei nonnetti che conosco, costretti spesso a scegliere tra risparmio e qualità a causa della loro ridotta mobilità, disponibilità economica e capacità di stare al tempo con la digitalizzazione dei servizi, non si limiterebbe a ridere, perché sa bene che la carne è piena di ormoni qualunque cifra la paghi, che l'olio extra-vergine che costa meno è meno pregiato, sempre, e che la maggior parte delle offerte sul 'fresco' ti garantiscono innanzi tutto la passata freschezza dello stesso, spesso prossimo alla scadenza. Per loro è più dura ma per noi che abbiamo molte più risorse è diverso.

Stando ai risultati dell’ultima inchiesta di Altroconsumo condotta su 926 punti vendita in 62 città, come al solito nella capitale non siamo in ottima posizione quanto a risparmio, ma avendolo già fatto in passato non starò a prolungarmi sugli strumenti e i criteri di scelta dei prezzi messi a disposizione del consumatore, dal servizio gratuito “SMS consumatori” direttamente sul cellulare e ora anche su iPhone e iPhod touch, a listini della Borsa Merci di Roma, del Car, o Progetto Orienta disponibili on line.

Stessa cosa per quanto riguarda la rete di distribuzione sul territorio di alimenti alla spina, come il latte fresco munto direttamente dai distributori anche se purtroppo non sempre a portata di mano, o i detersivi messi in commercio più o meno con lo stesso criterio, ma disponibili in catene di supermercati “verdi” votati alla spesa sostenibile-bio-eco e a Km 0, come il Simply Sma di Tor Bella Monaca, o normali catene come Panorama, Auchan o Carrefour.

In ogni caso, quando orari di lavoro, impegni o impedimenti di varia natura, non collimano con quelli del Mercato Rionale, tra i più competitivi per rapporto qualità-prezzo degli alimenti, o se preferite del Farmer’s Market e dei Mercati del Contadino di Campagna Amica, volendo disporre della stessa genuinità senza spendere cifre folli e magari poi anche un patrimonio in integratori e visite specialistiche, si può sempre ricorrere a soluzioni alternative.

Nonostante il bislacco desiderio di avere una tutina da super eroe da ritirare in lavanderia rimanga di difficile realizzazione, se voi non andate dalla spesa, lei può comunque arrivare da voi con ordinazioni on line e consegne a domicilio, da quelle del Mercato Trionfale a quelle ecologiche in bicicletta dell’Easy Market, che portano a domicilio frutta e verdura, anche biologica, rigorosamente a Km 0.

Di questi tempi non è da escludere, ma se non vi sentite portati o non avete qualcuno che in famiglia si dedica alla pratica dell’orto, magari cittadino o in balcone, potete adottarne uno con tanto di manodopera e attrezzi del mestiere, che vi recapiterà i frutti della terra che avete scelto di far piantare nel vostro orticello direttamente a casa ogni settimana, dopo averli amorevolmente curati e raccolti per voi.

Se non disponete di vicini volenterosi, magari in pensione che girano parecchio e sono disposti a comprare le cose anche per voi, magari direttamente da produttori agricoli in vendita diretta, potete ricorrere all’evoluzione di questa pratica adottata da un numero sempre crescente di G.A.S., ovvero quei gruppi di acquisto solidale che comprano il cibo direttamente dal produttore per distribuirlo tra i soci, metodo probabilmente più pratico e a portata di mano di quanto pensiate.

Del resto l’unione fa la forza, la cooperazione di un gruppo può arrivare molto più lontano e più in fretta di un singolo, che è poi la filosofia che guida questa rubrica che si alimenta di dritte e consigli che arrivano dal gruppo di familiari, amici, nonni 'adottati' (non se ne ha mai abbastanza) e conoscenti, ai quali spero vorrete unirvi con i vostri preziosi suggerimenti e curiosità.

In ogni caso, in autunno cadono le foglie ma sono a rischio anche i miei denti del giudizio, quindi se avete consigli e magari anche l'indirizzo di un dentista fidato e 'ragionevolmente' economico, per quanto può esserlo un dentista, vi prego non esitate a contribuire alla mia prossima avventura nel fantastico mondo della Roma Economica, Conveniente, Gratis & Co.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail