Mercati di Roma: spesa virtuale al Mercato Trionfale

Mercato_Trionfale_Roma_On-Line

Da virtuosa del mercato e del mix caotico di colori, ‘profumi’ e mercanzia che offre, difficilmente rinuncio alla mie consuete spedizioni, dal mercato rionale ai mercatini di usato e artigianato, per l’acquisto di alimenti e abbigliamento, libri e spesso anche di quello di cui non avrei mai detto di avere desiderio o bisogno.

La mia solidarietà va quindi a quanti non possono fare lo stesso per un milione di ragioni, e ai quali forse farà piacere sapere che da oggi la merce del Mercato Trionfale, frequentato da un pubblico ben più ampio di quello di zona, arriva anche a casa con un click.

Le profumate specialità dell’Isola delle Spezie di Irene e Roberta, quelle ibernate dell’Era Glaciale, ma anche il pesce fresco del Duca, i prodotto del banco alimentari di Enrico e Katia o dei diversi banchi di 'ciccia' …, ora si possono ordinare on line specificando nelle note anche come la volete, dalla maturazione della frutta allo spessore della bistecca o della fetta di prosciutto.

Per accedere ai banchi del mercato all’ombra del “cupolone” senza spostarsi da casa, basta registrarsi sul sito o chiamare il numero verde 800. 911973 che lo farà per voi, e aspettare la consegna effettuata nel giro di poche ore, pagando 'alla consegna' come di consueto con contanti, bancomat o carte di credito, ma forse in futuro anche con una carta prepagata, a prezzi e promozioni calcolati al momento dell'ordine.

L’operazione promossa dalla Società Almercato e dal XVII municipio ha fissato un contributo di 3euro a consegna (niente se calcolate il prezzo della benzina, del parcheggio, o quello dei biglietti per i mezzi pubblici che servirebbero per arrivarci), indipendentemente dalla quantità di cose che vi recapitano, ma ogni giovedì sarà gratuita per diversamente abili e over 70.

Dulcis in fundo, il "Contatore della solidarietà", e i 50 centesimi che potete ogni volta donare facendo gli ordini on-line, provvederà a riempire anche uno speciale salvadanaio per sostenere opere di interesse sociale, come nuovi giochi per i bambini nei giardini pubblici. Soprattutto se dura, non sembra male come iniziativa.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: