La settimana dei Municipi: sgomberi, buche e sicurezza

sgomberoChi ha paura dei Municipi? Se lo chiede Antonella De Giusti, presidente del Municipio XVII.

"In questi giorni si sta parlando di Roma Capitale con la pubblicazione della bozza del decreto che prevede, tra l'altro, un nuovo decentramento che vale la pena esaminare con una certa attenzione. Nell'ammasso di norme e disposizioni, cio' che ad un amministratore attento balza agli occhi e' che non si parla dei Municipi che di fatto vengono tagliati fuori dal decreto con serie ripercussioni sulla citta'", dice De Giusti.

“Non si puo' esautorare il Municipio perche' vuole dire penalizzare l'intera citta' che sinceramente, a tutt'oggi e con le prospettive future, fa molta fatica a ricoprire il ruolo di Capitale europea", ha spiegato.

Intanto l'8 settembre è partito il piano dei mini-sgomberi a Roma: il via in Municipio IV. Le bonifiche andranno avanti al ritmo di tre-quattro a settimana, sempre affiancate dall'assistenza alloggiativa per gli sfollati.

Non mancano polemiche, però, sulle destinazioni dei nuovi insediamenti.
"Torna a riaffacciarsi sui media l'ipotesi scellerata, da parte del Campidoglio, di spostare i rom in un nuovo campo all'estrema periferia di Roma, ai confini di Anguillara, nella frazione di Osteria Nuova nel Municipio XIX". Lo afferma in una nota il consigliere provinciale del Pd, Emiliano Minnucci.

"Non staremo a guardare mentre il Comune ripropone le sue politiche di deportazione... Le realta' urbane piu' vicine al luogo ipotizzato per i nomadi, come Osteria Nuova, sono gia' oggi in forte sofferenza, data la scarsa attenzione dimostrata dal governo cittadino – continua - Non c'e' dubbio infatti che si creerebbe un ghetto sociale, a meno che non si operi un enorme investimento pubblico in infrastrutture”.

Anche il presidente del Municipio XVI; Bellini: “Il Municipio Roma XVI e' stato individuato come possibile territorio per un campo nomadi attrezzato perche' non ve ne sono attualmente". Ma, ricorda il minisindaco, "il campo della Monachina, che si vuole smantellare, anche se formalmente nel Municipio XVIII, insiste proprio sulla valle Galeria, ossia sui quartieri di Massimina-Malagrotta".

“Quando e' stata chiusa la struttura di villa Troili, e' stato fatto un patto con i cittadini per chiudere il campo della Monachina, dicendo inoltre che sarebbero stati portati servizi in quei territori. Bene, questo patto va rispettato", spiega invece Bellini, che annuncia che molti cittadini 'stanno cominciando a manifestare'.

Il sindaco Alemanno ha annunciato ieri che il problema buche è fra le priorità della sua Giunta. Sono partiti i primi lavori nel Municipio VII, il 9 settembre ( fino al 17 settembre sarà chiuso il tratto ra via delle Azalee e via delle Sequoie; dal 17 al 24 settembre tra via delle Sequoie e via degli Ontani; dal 24 settembre all'1 ottobre tra via degli Ontani e viale Palmiro Togliatti, dall'1 ottobre all'8 ottobre tra via dei Frassini e via delle Azalee.).

Secondo Gianni Paris, minisindaco del Municipio XV, si tratta di interventi non sistematici, fatti scegliendo di non delegare i fondi ai Municipi, e soprattutto che non considerano la questione cruciale del rifacimento dei marciapiedi, essenziale per decoro urbano e transito di disabili, anziani e bambini in carrozzina.

“Evidentemente e' piu' semplice affidare alle ditte gli interventi facili e veloci da eseguire, quali il rifacimento del manto stradale, che quelli per la ricostruzione del marciapiedi che richiede piu' impegno ed attenzione", prosegue Paris.

Infine, dopo l'aggressione al 50enne pestato violentemente in via della Magliana, riemerge la questione della sicurezza dei commissariati. “Emergono dati che fanno riflettere, un organico di circa 80 unita' del 20% in meno, in un rapporto di un operatore ogni 1.800 residenti, all'interno di un Municipio che va da Marconi a Piana del Sole, ai confini del comune di Fiumicino, comprendendo realta' complesse quali quelle del Trullo, di Corviale e della Magliana, un quartiere ad elevata intensita' abitativa quale Marconi, oltre che Portuense, Ponte Galeria, Pisana e Muratella con una mole di lavoro e territorio paragonabile ad una piccola cittadina", spiega il Consap.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail