La 60°Sagra della porchetta di Ariccia

sagra_della-porchetta-2010

Tra i colori e sapori locali capaci di sedurre il mondo intero c’è senza dubbio la porchetta, che nell'Alto Lazio si fa risalire all'epoca degli Etruschi, ma alla cittadina di Ariccia, che ne rivendica la paternità della ricetta originaria, ha concesso indubbiamente fama mondiale, mentre la “Porchetta di Ariccia” si è guadagnata il marchio I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta) oltre ad avere un sito facebook.

Non stupisce quindi che tra le numerose mete per una passeggiata fuori porta, in questo fine settimana una vera folla sceglierà come meta la cittadina dei Castelli Romani in occasione della 60° edizione della Sagra della Porchetta di Ariccia e dei numerosi appuntamenti che fino a domenica 5 questa rinnoverà con l'arte, la cultura, la storia, l’ambiente e le tradizioni enogastronomiche della nostra terra.

Dopo la kermesse di band emergenti, i concerti itineranti di gruppi folkloristici, le mostre di artigianato e gli artisti di strada per le vie del borgo che hanno aperto la festa nella giornata di ieri, questa sera sul palco del Belvedere il concerto dei Quintorigo chiuderà la due giorni di musica salutando ufficialmente l'inizio della sagra.

La giornata di sabato trascorrerò tra stand gastronomici, musica, artisti di strada, animazione per bambini, la pesa del prosciutto, la Max Arduini band, la musica anni '70 della Matteo Geri band e il gran finale con la comicità di Massimo Bagnato.

La Sagra si chiuderà domenica con lo spettacolo pirotecnico ad opera della Pirotecnica Tiburtina, ma non prima di aver fatto una bella scorpacciata di spettacoli, musica e tanta porchetta croccante, dalla musica popolare de "I cerchi magici" al corteo storico, dal torneo divoratori di spaghetti de L'abbuffata" al concerto dei Four Vegas.

Come di consueto in occasioni del genere, e ancor di più per questa edizione della sagra, dopo che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha conferito nel 2010 il titolo onorifico di "Città" ad Ariccia", sia che arriviate da Roma che da via dei Laghi vi consiglio di lasciare l’auto presso il campo sportivo Don Bosco, accanto alla posta, a due passi dalla Piazza di Corte, è a pagamento ma risparmierete di certo ricerche disperate e fastidiose multe.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: