Gianicolo: inizia il restauro del più bel giardino di Roma

Cannone del Gianicolo

"Tutelare il più bel giardino di Roma e il suo querceto che ha diversi secoli di vita e che va salvaguardato", sono le parole con cui il vicesindaco Cutrufo ha spiegato i prossimi interventi per restituire ai romani il verde della collina del Gianicolo. Il termine tecnico infatti è 'restauro vegetazionale': un'opera di messa in sicurezza e potatura.

Specialmente l'abbattimento di alberi di piccoli fusto aveva creato qualche polemica nei giorni scorsi. Polemiche che proprio Cutrufo ha respinto con la necessità di eliminare le infestanti piante di Ailantus, per recuperare la scarpata monumentale del Parco del Gianicolo nell'area degradante che collega la Terrazza al viale Parco di Villa Corsini.

"Interventi mirati che valorizzano e difendono il patrimonio degli alberi monumentali della città", ha aggiunto l'assessore capitolino all'ambiente, Fabio De Lillo: lo storico querceto che caratterizza il giardino più bello e famoso di Roma era a rischio infestazione e andava protetto.

Messa in sicurezza anche per gli storici lecci, il tutto al fine di restituire cura e dignità non solo al giardino, ma anche a uno dei punti in cui, da sempre, si ammira uno dei panorami mozzafiato della città.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: