La settimana dei Municipi: feste nei quartieri, polemiche al centro


Una settimana calda, quella che sta per concludersi, per i Municipi di Roma, e non soltanto per la temperatura estiva eccezionale: protagonisti di questi sette giorni, infatti, sono stati il calore delle feste popolari e della commozione suscitata da alcuni anniversari e le polemiche che, invece, al livello centralista, si fanno sempre più roventi.

Ma andiamo per ordine: per tutta la settimana Trastevere, Municipio I, celebra la Festa de’Noantri, simbolo della romanità più autentica e popolare. I sette giorni sono stati aperti dalla processione della Madonna del Carmine e dopo tante iniziative di carattere religioso, sportivo, culturale, dello spettacolo e della canzone romana, si concluderanno domenica con il rito della Madonna Fiumarola.

All’Eur, invece, Municipio XII, è andata in scena la grande moda per la 12esima edizione dell’evento “Eur Moda”, inserito nell’Estate Romana 2010. Nella suggestiva cornice della scalinata d’ingresso alla chiesa di San Pietro e Paolo in viale Europa, hanno sfilato le collezioni di 5 artisti emergenti, il cui messaggio è “moda, eleganza e glamour alla portata di tutti”.

Lunedì, inoltre, è stato l’anniversario del terribile bombardamento di San Lorenzo del 1943: alle celebrazioni del sindaco e del Municipio III, presso il Monumento ai caduti al Tiburtino, ci sono state contestazioni. Alemanno ha tagliato corto ricordando che “la democrazia, la libertà e l’unità d’Italia vengono dai sacrifici compiuti dai nostri padri e dai nostri nonni”.

Come dicevamo nel titolo, però, mentre nei quartieri si celebravano feste, continuava il braccio di ferro tra ex circoscrizioni e Campidoglio in tema di bilancio. Il primo cittadino ha risposto alle critiche dei Municipi di sinistra invitandoli ad abbassare i toni e ha assicurato che se dai minisindaci verranno soluzioni accettabili, questi verranno ascoltati.

Tutti i Municipi, intanto, denunciano l’insufficienza del bilancio comunale per portare avanti i servizi sociali nel territorio: il personale ridotto, l’inadeguatezza delle politiche per la casa, l’aumento della povertà sono i nuovi nemici di disabili e anziani, che rischiano di venire abbandonati a se stessi.

Il depauperamento delle risorse ai Municipi, infatti, comporta molti tagli a progetti e iniziative. Le 19 Municipalità, pertanto, chiedono al Comune maggiori investimenti, fondi destinati all’emergenza abitativa, aumento di risorse per il finanziamento dell’assistenza domiciliare e sostegni concreti alla famiglia.

Preoccupano, in particolare, l’aumento delle tariffe degli asili nido e della refezione scolastica, che incideranno pesantemente soprattutto sui ceti già impoveriti dalla crisi.

In mezzo a questo bailamme, però, segnaliamo che il Municipio IV ha approvato il proprio bilancio, evento che ha costituito un atto di fiducia verso la Giunta Alemanno, coerente con il costante lavoro della maggioranza di centrodestra al governo del Municipio.

Proseguono, poi, le normali attività legate alla stagione: l’Ama ha avviato nei Municipi I, XII, XV e XVI la campagna antizanzare tigre, che quest’anno sarà molto intensa: 48 gli operatori impiegati in 24 squadre, che effettueranno 4 passaggi in tutta la città.

Sempre l’Ama ha iniziato l’opera di bonifica del parcheggio-discarica di via Mastrigli, Municipio XX, rimuovendo i sigilli dall’area e procedendo con il trasporto altrove dei detriti e con lo scavo per il posteggio. I lavori dureranno almeno due mesi.

La miniamministrazione estiva per eccellenza, il Municipio XIII, è stata grande protagonista di questa settimana: sabato scorso si è svolta a Ostia la manifestazione nazionale contro il “mare in gabbia”, a favore del libero accesso e visibilità dell’arenile in tutto il litorale laziale.

Sempre a Ostia, nella notte tra lunedì è martedì, è stato incendiato il chiosco ‘Punta ovest’, creato per il rilancio del turismo sul territorio e la fornitura di servizi ai bagnanti. È il secondo attentato del genere in otto mesi.

Stabilito, poi, un appuntamento importante per il 27 luglio prossimo: le gestanti di Ostia daranno vita a una manifestazione contro la chiusura della Casa del parto attiva presso l’ospedale Grassi. Si tratta dell’unica struttura, aperta in via sperimentale, del centro sud che segue la gravidanza dall’inizio e fino al parto spontaneo, evitando del tutto l’ospedalizzazione. Ora pare che la sperimentazione sia finita e le donne incinta coinvolte nel progetto dovranno rivolgersi altrove.

Infine, proprio sul litorale di Roma è stato istituito, in via della Consolata, il primo parco a orti urbani dei 22 che saranno realizzati nella Capitale, dal centro alle periferie, grazie a un finanziamento di 300mila euro. Il primo, intanto, occupa 18mila metri quadri di verde, sarà coltivato dagli anziani del quartiere e offrirà prodotti biologici.

Agli anziani sarebbe stata dedicata anche una serata di intrattenimento prevista nel sito di Villa De Sanctis, in Municipio VI, che, però, la Sovrintendenza ha bloccato, ritenendola “incompatibile con l’assetto monumentale dell’area vincolata”. Si trattava di uno degli ‘Eventi Anziani estate 2010’, organizzati dall’assessorato comunale alle Politiche sociali.

Sempre di ambiente si parla, riguardo all’inizio dei lavori della messa in sicurezza contro lo smottamento della collina che da piazza Socrate degrada su via Labriola, al confine tra i Municipi XVII e XIX. Si tratta di un’area inserita tra quelle a forte rischio idrogeologico.

Iniziato anche il percorso di bonifica dall’amianto degli istituti scolastici: il primo è la scuola Anna Magnani nel Municipio IV, dove sono stati rimossi cassoni di cemento ed eternit.

Di altro smantellamento, ben più incisivo, almeno sulla vita dei 350 Rom che lo abitavano, è quello del campo nomadi della Martora, in Municipio V. I primi 50 saranno spostati immediatamente in altri campi attrezzati, soprattutto quello di Castel Romano; il trasferimento degli altri sarà ultimato nelle prossime settimane.

Infine, un po’ nomade, precisamente itinerante, sarà per i prossimi 11 mesi, agosto escluso, l’Ufficio mobile dell’Acea, che sosterà per un giorno al mese in ognuno dei 19 Municipi. Qui si potranno compiere le operazioni relative alle bollette e verranno fornite informazioni su tutti i servizi offerti. L’iniziativa è dedicata in modo particolare agli anziani e a tutti i cittadini con problemi di mobilità.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail