Emergenza caldo a Roma: le temperature aumentano, la rete elettrica collassa con black-out e incendi

BlackOut

Stiamo boccheggiando ormai da settimane, il "Piano Caldo" del Comune argina ma non risolve gli inconvenienti di queste temperature. A Roma cerchiamo refoli d'aria come rabdomanti. Ci si rifugia nei luoghi chiusi dotati di condizionatori, ma sono proprio quest'ultimi a mettere a dura prova la rete elettrica capitolina.

Black-out in varie zone di Roma, abitanti inferociti a Torre Angela e a Tor Bella Monaca, dove i tecnici dell'Acea sono stati addirittura 'scortati' dai Carabinieri per attraversare il quartiere e porre rimedio al guasto. Disagi e traffico in tilt nei giorni scorsi anche nei dintorni della Stazione Termini. Non bastasse, iniziano ad essere avvistati i primi incendi.

Tredici cavi hanno preso fuoco martedì nella galleria sotterranea di via Cavour, con 32 squadre dei Vigili del Fuoco al lavoro per ripristinare il servizio di migliaia di utenze. Stessa situazione a causa di un guasto nella zona della Stazione Tiburtina, con tanto di ausilio dei gruppi elettrogeni.

Un bollettino di guerra che mette in luce le carenze strutturali della rete elettrica e la scarsa coscienza civile (ed ecologica) degli abitanti di Roma: al caldo non si resiste, ma bastano poche accortezze per evitare sprechi ed eccessi nell'uso dei condizionatori.

  • shares
  • Mail