Turismo Roma: Vacanze Senza Barriere Accessibili a Tutti?

3-leg human_flickr_ jepoirrier

Si parla da anni con risultati altalenanti dei limiti e degli obiettivi del Turismo Accessibile ‘a tutti’, con un occhio di riguardo per chi ha bisogno di servizi in grado di soddisfare diverse abilità, e piccoli e grandi handicap. Un ‘Turismo per Tutti’, diretto quindi a individui con disabilità fisiche permanenti o transitorie, ma anche a bambini, anziani, neo mamme e mamme con bambini piccoli, chi si muove lentamente, quanti combattono quotidianamente con gravi allergie e problemi di tipo alimentare…

Un turismo senza barriere che nella capitale, nonostante la presenza di sportelli informativi, associazioni come CO.IN., numeri verdi (''Vacanze Serene 800271027''), un primo passo avanzato nel settore dei trasporti, o buoni consigli, deve ancora fare i conti con le stesse barriere architettoniche e disservizi vissuti quotidianamente dai cittadini diversamente abili e bisognosi di maggiori attenzioni, parola di un’allergica a latte e derivati che ha vissuto per anni con una persona affetta da grave disabilità.

Chissà che finalmente la missione di rendere Roma Capitale dell’accoglienza, nonché città ideale ad ospitare i Giochi Olimpici e Paraolimpici del 2020, non riesca nell’impresa di migliorare davvero, e in modo funzionale e duraturo, il livello di accessibilità della città per ‘tutti’, soprattutto per chi ha bisogno di attenzioni speciali, esigenza presa in considerazione dal nuovo Piano dell'Assessorato al Turismo presentato dal vicesindaco Mauro Cutrufo.

Un piano che avendo come obiettivo una "vacanza senza ostacoli e difficoltà" per tutti, prevede una serie di regole e attenzioni come precedenza assoluta per carrozzine e disabili nelle file dai monumenti ai musei, autobus speciali destinati alle mete turistiche o fermate dei pullman vicine agli ingressi dei monumenti, come già previsto nel nuovo piano pullman.

A questi si aggiungono percorsi e itinerari dedicati ha chi ha difficoltà motorie e di orientamento, permanenti o transitorie, guide e Roma Pass in braille, ma anche un l'elenco presente sul sito Turismo Roma, provvisto anche di facebook, di tutti i ristoranti con menù speciali per celiaci e affetti da intolleranze e allergie gravi, per i quali nutrirsi in vacanza ma anche in città è un vero calvario, un calvario che rischia di diventare anche pericoloso nonostante spesso sia sottovalutato, e non solo quando si mangia fuori.

Il piano, frutto di un anno di lavoro dell'Assessorato con i tecnici del Comune e le categorie coinvolte, dovrebbe essere operativo "entro ottobre o al massimo dicembre, l'alta stagione del turismo romano", e come al solito, oltre a sperare che funzioni al meglio, continuiamo ad augurarci che sia solo un primo passo per rendere davvero Roma sostenibile e accessibile per tutti, turisti e romani.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: