La settimana dei Municipi: emergenza caldo e aumento della prostituzione

eur Anziani, asili nido, categorie deboli: il caldo si fa sentire e i tempi in agenda dei Municipi riguardano più che mai, in questo momento, fasce d'età che per i motivi più diversi dovrebbero essere destinatarie di iniziative di tutela.

“Dopo aver aumentato le rette di ben oltre il 40%, portandole fino a 450 euro al mese, la Giunta Alemanno in questi giorni ha deciso di infierire sulle famiglie con bambini che frequentano gli asili nido comunali o convenzionati”, è stata la denuncia di Andrea Catarci, presidente del Municipio XI.

Tutto questo, conclude, “ad unico vantaggio di soluzioni alternative, ovviamente private”. Ludovico Todini, vice presidente della Commissione scuola del Comune di Roma parla invece di una 'razionalizzazione' dei servizi educativo.

"L'amministrazione ha provveduto ad adeguare gli orari di apertura degli asili nido convenzionati con la razionalizzazione degli orari nel servizio pubblico che prevede un orario di apertura 8.00-16.30, fatta eccezione per una struttura per Municipio che rispetta invece l'orario 7.00-18.00", ha spiegato.

Il Municipio VI ha invece trovato un modo originale per tutelare i suoi anziani contro il caldo. Alcune persone di età avanzata residenti nella sua area di competenza sono state dotate gratuitamente di un braccialetto 'biometrico' da tenere al polso, che rileva automaticamente frequenze cardiache, pressione, temperature e persino eventuali cadute.

Nel caso in cui ci siano dei valori al di fuori della norma, scatta l'sms ai familiari o al 118. Il servizio è sperimentale e se andrà bene potrebbe essere esteso anche ad altri quartieri di Roma.

Continua inoltre l'emergenza dei profughi afghani del quartiere Ostiense, sempre Municipio XI, che mercoledì scorso hanno occupato questa mattina i locali dell'assessorato del Comune di Roma per le politiche sociali.

“Manca l'acqua potabile, si susseguono, addirittura, le minacce di sgombero, mentre una sessantina di posti letto restano vuoti all'ospedale Forlanini – ha spiegato Catarci - E' urgente una dignitosa risposta sociale e abitativa a questo dramma che dura da troppi anni e si consuma nel silenzio”.

Intanto il Sindaco ha annunciato lo sgombero del campo Nomadi della Muratella (uno delle aree alternative per ospitare i rom potrebbe essere la Pisana) e ci sono novità anche per quanto riguarda il nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti.

Fra i tanti punti della sperimentazione, la decisione di togliere gradualmente i cassonetti verdi indifferenziati, che saranno sostituiti da 'punti mobili di raccolta' con operatori ecologici, in cui si potranno distinguere i materiali da scartare.

L'iniziativa per ora riguarda solo sei Municipi: Prati Fiscali (Municipio IV), Tuscolano- Don Bosco (Municipio X), Laurentino 38 (Municipio XII), Appio-Tuscolano (Municipio IX), Marconi (XV), Aurelio-Irnerio ( Municipio XVIII). La riorganizzazione dei servizi di raccolta da parte di Ama riguarda complessivamente 83 mila utenze domestiche per un totale di circa 250 mila residenti e circa 8.200 utenze non domestiche.

Infine, torna l'emergenza prostituzione all'Eur. “Negli ultimi venti giorni abbiamo riscontrato una tendenza al rialzo del fenomeno delle prostitute su strada. Sono tornate in alcune strade dell'Eur dove erano scomparse”, ha affermato il presidente del Municipio XII Pasquale Calzetta.

Secondo Calzetta 'e' chiaro che se non c'e' un intervento legislativo e' complicato debellare completamente questo fenomeno. L'ordinanza del sindaco Alemanno ha sicuramente avuto un effetto positivo ma, senza una legge, di questi tempi l'aumento e' fisiologico'. Una situazione diversa viene prospettata nel Municipio II.

“Prima dell'ordinanza del sindaco Alemanno la zona piu' colpita dalla prostituzione su strada era la via Salaria - spiega Sara De Angelis, presidente del Municipio II - Oggi la situazione e' notevolmente migliorata, tant'e' che il comitato 'Prato della Signora' (nato tempo fa per segnalare un fenomeno che prima creava molto disturbo agli abitanti) recentemente ha espresso soddisfazione per l'ordinanza di Alemanno”

Infine, l'ennesima protesta da parte dei Municipi di centrosinistra, che lanciano un sos affermando che “stanno preparando il terreno affinche' i municipi scompaiano, sia tagliandoci i fondi che dando un'informazione distorta, vogliono cambiare il governo a questa citta'', come affermano i presidenti del XV e X Municipio di Roma, Gianni Paris e Sandro Medici.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: