Roma in corteo: mobilità giorni caldi, 11-12 ,18-19 ottobre 2013

Il calendario dell'ottobrata romana di scioperi e proteste continua a marciare su Roma, preparandosi ai giorni di fuoco di venerdì 11 e sabato 12 ottobre, e tutto quello che precede il 18 e 19 ottobre, con le relative deviazioni della viabilità e il caos della mobilità urbana.

Armati delle maschere di Guy Fawkes utilizzata da Anonymous, e una strategia della vernice rossa con simbolo della «V» che non lascia dubbi sull'ispirazioni di provenienza (V per vendetta, V per il film di James McTeigue, e la graphic novel di Alan Moore e David Lloyd), un piccolo gruppo di manifestanti ha imbrattato di rosso i locali di un ufficio della GM Solution Italia srl, che lavora per conto di aziende come la Wind, in via Benedetto Croce a Tor Carbone, al grido di «Dovete smetterla. Dovete pagare i dipendenti».

I venti di rivolta propedeutici alla mobilitazione di sabato 19 ottobre che preoccupa evocando lo spiacevole ricordo della guarriglia urbana del 15 ottobre del 2011, hanno iniziato a spirare con azioni a sorpresa, tra occupazioni simboliche e blitz, che hanno già circondato la sede della Banca d'Italia al motto-striscione "19 ottobre assediamo austerity e precarietà" trasformato in hashtag per le strade digitali del web.

La Magliana che scende in piazza contro il degrado e le ripetute occupazioni dei nomadi, continua a rallentare il percorso delle linee 128, 780 e 781 sono in ritardo.

Dopo l'occupazione dello studentato in via De Lollis, questa mattina gli studenti e le studentesse del sindacato universitario Link Roma hanno occupato con un blitz la sede dell’assessorato alla casa del Comune di Roma per denunciare la condizione di precarietà abitativa degli studenti fuori sede iscritti agli atenei romani, e per esprimere la netta contrarietà all’introduzione della Service Tax, che finisce per gravare sugli inquilini.

Sarà ancora la difesa del diritto allo studio e per la scuola pubblica, a sfilare in corteo venerdì 11 ottobre, dalle 9 alle 14, da piazza della Repubblica a viale Piero Gobetti, passnado per via delle Terme di Diocleziano, via Giovanni Amendola, via Cavour, piazza dell'Esquilino, via Liberiana, piazza Santa Maria Maggiore, via Merulana, via dello Statuto, piazza Vittorio Emanuele II, via Conte Verde, viale Manzoni, via Giovanni Giolitti, piazza di Porta San Lorenzo, piazzale Tiburtino, via Tiburtina, via dei Marruccini, piazzale Aldo Moro e viale delle Scienze.

Una manifestazione che ha già previsto deviazioni e limitazioni delle linee di trasporto pubblico :H, 3, 5, 14, 16, 40, 60, 60L, 64, 70, 71, 75, 85, 105, 140, 170, 175, 223, 360, 492, 590, 649, 714 e 910.

Nello stesso giorno, alle 9 alle 13 di venerdì, anche i lavoratori della Croce Rossa manifestano in sit-in davanti il Ministero della Salute, in piazza Castellani all'altezza del lungotevere degli Anguillara, che entro le 7 prevede lo sgombero dei veicoli, con successivo divieto di sosta nelle ore della manifestazione.

Dalle 17 alle 19 di venerdì, in piazza Santi Apostoli è prevista invece una manifestazione indetta dalla Cgil del Lazio a sostegno della giornata di mobilitazione nazionale "Fermiamo le stragi nel Mediterraneo" promossa dai sindacati confederali. Entro le 15 è previsto lo sgombero dei veicoli in sosta sulla piazza, nello spazio compreso tra via Cesare Battisti e vicolo del Piombo. In base alle esigenze di sicurezza e di viabilità, potrà essere vietato il transito dei veicoli.

A preoccupare parecchi, oltre agli ipotetici funerali del criminale nazista Erich Priebke, a ridosso del settantesimo anniversario della deportazione degli ebrei romani, sono anche le manifestazioni di neonazisti come quella annunciata su Facebook per venerdì sera, sotto casa dell'ex capitano delle SS per "tributargli il saluto fascista".

Tra flash mob contro l'austerity e staffette di proteste, come quella che domani parte alle ore 12 dal Colosseo, la giornata "contro la devastazione ambientale e contro le nocività” del 12, la mobilitazione contro il caro vita e le politiche di austerità indetta per il 15, l'Usb (unione sindacale di base) si prepara allo sciopero generale proclamato per il prossimo 18 ottobre, reso ancora più complicato dallo sciopero del trasporto pubblico, al quale aderiscono Atac, Roma Tpl, Cotral, e Trenitalia (seguite il link per il dettaglio).

La manifestazione in difesa della Costituzione, organizzata da Gustavo Zagrebelsky, Stefano Rodotà e Maurizio Landini, con corteo di 60mila manifestanti in arrivo da tutta Italia che, dalle 14 alle 20, sfila da piazza della Repubblica a piazza del Popolo, attraversando via Vittorio Emanuele Orlando, largo di Santa Susanna, via e piazza Barberini, via Sistina, piazza e viale Trinità dei Monti e viale Gabriele D'Annunzio. Le chiusure del traffico previste avranno quindi ripercussioni sulle deviazioni per le linee H, 3, 5, 14, 16, 40, 60, 60L, 64, 70, 71, 75, 85, 105, 140, 170, 175, 223, 360 492, 590, 649, 714 e 910.

Mentre Liporace si ritira dalla nuova nomina a capo della Polizia Locale di Roma Capitale, per mancanza dei requisiti adatti, e le astensioni dei vigili non contribuiscono a migliorare la mobilità della città, quelle delle forze dell'ordine si distribuiscono tra cortei e calcio, con l'incontro di campionato Roma-Napoli, spostato dalle ore 18:00 di sabato 19 ottobre, alle ore 20.45 di venerdì 18, e tra il 18 e 19 ottobre potrebbero arrivare circa quattromila agenti di rinforzo da tutta Italia.

Il Campidoglio ha già autorizzato i manifestanti dello sciopero generale del sindacalismo di base del 18, ad accamparsi in piazza San Giovanni in attesa del Corteo di sabato 19, lanciato dai movimenti per il diritto all'abitare, sostenuta da Cobas, No Muos e No Tav, e tutto quelli che si uniscono al popolo digitale al grido dell'hashtag #19o, che ben più di un pensiero causano agli strateghi chiamati a garantire l'ordine pubblico, a quasi due anni dagli scontri di piazza San Giovanni del 15 ottobre 2011, e al quale abbiamo dedicato una segnalazione a parte che trovate qui.

A questo, dalle 17 alle 20, si aggiunge anche il corteo indetto dalla Società Libera, che sfila da piazza Bocca della Verità a Campo de' Fiori, passando per via Luigi Petroselli, via del Teatro Marcello, via d'Aracoeli, piazza del Gesù, Corso Vittorio Emanuele II, piazza San Pantaleo e via dei Baullari, e causando possibili deviazioni o limitazioni alle linee H, 8, 30, 40, 44, 46, 53, 60, 62, 63, 64, 70, 80, 80B, 81, 83, 85, 87, 116, 117, 119, 160, 170, 175, 186, 271, 492, 571, 628, 715, 716, 780, 781, 810 e 916.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail