Mondiali di Calcio 2010 al suono di «vuvuzelas» anche a Roma

Vuvuzelas_Colors

Ronzano dagli spalti degli stadi Sudafricani in ogni partita dei Mondiali 2010, e forse le avete già avvistate sulle bancarelle di gadget dei Mondiali, i «vuvuzelas» da stadio o lepatata (in lingua tswana), ispirate allo strumento musicale zulu usato per intimidire gli avversari in battaglia, imperversano ovunque, elette simbolo della competizione Sudafricana.

Mentre i tabloid inglesi annunciano «la vendita online di un milione di trombette», da noi, già all’inizio della settimana si parlava di un primo carico di almeno 10 mila assordanti trombe africane destinate alla bancarelle della stazione Termini, agli empori cinesi dell’Esquilino, lungo via Nazionale e sulle spiagge del litorale, tanto per citarne un campione rappresentativo ma niente affatto esaustivo.

Un metro di plastica colorata capace di produrre un «concerto» di 127 decibel a vuvuzela, già usato per inni, proteste, e remix che rischiano di arrivare in discoteca, che per il momento non ha allarmato la Prefettura di Roma, molto probabilmente dipenderà anche dalla prossima partita dell’Italia, in ogni caso sarà bene tenere a portata di mano un paio di tappi auricolari, non si sa mai.

Foto: Wikimedia

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: