Gita fuori porta: a Valmontone per la Sagra delle lumache


È stata inaugurata ieri, in occasione della festa di San Giovanni Battista, ma durerà fino a domenica, la tradizionale Sagra delle lumache che ogni fine giugno, da 30 anni a questa parte, anima la cittadina di Valmontone. Quest’anno, poi, con la stagione bislacca che ci ha fatto tirare fuori l’ombrello fino a pochi giorni fa, c’è da giurare che le lumache saranno davvero tante.

La kermesse, patrocinata dalla città e dalla presidenza del Consiglio regionale del Lazio, è organizzata dalla lunga esperienza del comitato dei festeggiamenti, e prevede giochi popolari, balli, spettacoli musicali e manifestazioni sportive, come la Maratonina della Lumaca che si correrà domenica.

In programma anche la pièce teatrale dei bambini delle scuole, bancarelle e stand in cui degustare, e acquistare, i prodotti tipici del territorio (specialmente a base di lumache, ispiratrici della festa, ma anche primi piatti e panini) e conclusione in bellezza, domenica sera, con uno scoppiettante spettacolo pirotecnico.

La festa si terrà in località Colle San Giovanni, facilmente raggiungibile dal casello Valmontone dell’autostrada A1 e dalla stazione ferroviaria a ridosso del centro del paese. Se state pensando di farci un salto, la mia proposta è organizzare un weekend completo, tra arte, cultura e… shopping.

Valmontone, infatti, è una città ricca di storia, fondata ai tempi dell’Impero romano e spesso in guerra con Roma, chiamata così a partire dall’alto Medioevo, per indicare una “valle sovrastata da una montagna” o una “valle sovrastata da un montone”, la piccola altura sulla quale sorge il centro storico, circondato dalla via Casilina.

Potete visitare il Palazzo Doria Pamphilj, sorto sull’originale castello fortificato (Valmontone doveva diventare, infatti, la città ideale del principe Camillo: l’utopia di Panfilia), ma anche la Collegiata, chiesa dedicata a Maria SS. Assunta ed eretta nell’ambito del piano di rinnovamento del paese.

Poi c’è la pregevole Chiesa di Sant’Antonio, miracolosamente scampata ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e unico edificio di epoca medievale sopravvissuto; la Fontana del Colle, in stile barocco, con le sue teste di leone ornamentali e la statua di Labicano, il guerriero romano simbolo di Valmontone e, secondo alcuni, il fondatore della città; le numerose porte della cinta muraria.

Infine, non rinunciate a una puntatina all’Outlet fashion district, uno dei meglio forniti del Lazio, dove potrete trovare a prezzi ultraconvenienti prodotti della stagione passata delle migliori marche. Come ormai tutti sanno, è a pochi passi dall’autostrada, dove l’anno prossimo aprirà i battenti anche un avveniristico parco dei divertimenti: il Rainbow Magicland.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: