Il gioco delle tre multe


Eccoci ancora a parlare di multe, accertamenti, ausiliari del traffico, polizia municipale, parcheggi e strisce blu, casi eclatanti. Che bello. Argomenti che riempiono il cuore, e svuotano i portafogli. Ma le segnalazioni che riceviamo sono innumerevoli, segno che qualche sintomo di male che affligge i cittadini, è veritiero.

Allora. Questa volta parliamo di Avviso di Accertamento. Quel cortese omaggio che di norma vi trovate sul parabrezza per aver sforato l'orario durante la sosta nelle strisce blu, mentre intorno a voi creativi del parcheggio se la cavano senza un soldo di contravvenzione con la macchina sul marciapiedi, in curva, in doppiafila, nelle isole pedonali o sulle zebre...

Ma siccome questo genere di accertamento viene quasi sempre ricamato dagli ausiliari del traffico, la lungimiranza della nostra amministrazione comunale ha così decretato: Gli ausiliari si possono occupare solo di strisce blu. Capite? Vi rendete conto dell'idiozia e delle conseguenze di una politica così abominevolmente iniqua?

Coloro che verranno puniti per non aver esposto bene titoli o tagliandi nei parcheggi appropriati, sceglieranno in futuro di trasgredire veramente. Di posizionare la vettura dove comunque non si può, non si deve, e dove crea ostacolo al traffico. Tanto c'è più possibilità di farla franca! E almeno ne valeva la pena. Questa sì che è educazione civica. Così si migliora una comunità. Bravi.

Ma non è finita qui. Una volta ricevuto l'accertamento si "scopre" come pagarlo. 15 giorni (invece dei 40 tipici da codice) per toglierti il dente. Tre metodi. Diretto alla cassa, per posta o per ricevitorie del Lotto. Quest'ultimo (unico che ti evita le file) però contiene una divertente, nuova caccia al tesoro. Tesoro tutto loro, a dire il vero.

Intanto devi trovare la ricevitoria adatta, perché il Lotto si lottizza tra Sisal e Lis, e non tutti (soprattutto i più moderni) riescono a leggere la tua schedina fortunata. Peggio: Fra le stesse tre schedine che ricevi, una ti ammonisce con doppia negazione in grassetto, come pagare: "Non deve essere compilata in nessuna sua parte", ma l'altra ti offre l'esempio raccomandabile di come compilare la stessa schedina!

Ovviamente al 06.06.06, dopo mezz'ora di attese, sanno a mala pena consigliarti, ovviamente toppando, che qualche dato è meglio fornirlo. Così la maggior parte dei fortunati vincitori di multe-schedine finiscono col pagare di più, in ritardo, con dati errati, e spesso con il rischio di dover poi contestare il verbale comunque notificato dopo. Un successo, come sempre.


  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: