Roma ladrona derubata del suolo pubblico dalla politica


Proseguono gli espropri intorno a Palazzo Grazioli. Certo, fosse l'unico (fra ambasciate, ministeri, abitazioni e palazzi del potere praticamente c'è più casta che popolo nel centro, e non solo, della capitale d'Italia), ma è emblematico quello accade presso il pied-à-terre romano di Berlusconi.

Fermata Atac soppressa su via del Plebiscito, auto blu sui marciapiedi, transenne ovunque ad impedire anche il solo passaggio pedonale sul salvagente (!!!) in mezzo alla strada, parcheggio di piazza Grazioli estirparto, vasoni e vedette a circondare l'edificio per demotivare anche la sosta provvisoria di una carrozzina.


Che bell'esempio di democrazia, complimenti. Questioni di sicurezza, certo. Quella che dimostra quanta separazione ci sia fra rappresentati del popolo e popolo stesso. Non sarebbe il caso di chiamarla neoaristocrazia? O paraoligarchia? Basta che la smettano di fare gli interessi dei cittadini, che di questo passo non potremo più uscire nemmeno di casa, sempre che ce la lascino...


  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: