Estate Romana 2010: all'Isola del Cinema

Con il caldo i cinema si disertano volentieri ma Roma si riempie di schermi sotto le stelle, perfetti per immergersi nell’atmosfera di vecchi film, pellicole della passata stagione e tante anteprime della prossima.

Da sabato 19 giugno ad animare l’estate romana torna l'Isola del Cinema, con la sua carrellata di rassegne cinematografiche, retrospettive, anteprime, viaggi nei nuovi mestieri della settima arte e incontri con gli autori, che la riconfermano arena ideale della settima arte e festival cinematografico amato e seguito dai romani, anche su facebook.

Questa XVI edizione dell’Isola del Cinema inizia sabato con Happy family di Gabriele Salvatores sullo schermo dell’ARENA e Questioni di Cuore di Francesca Archibugi su quello di CINELAB, per proseguire il 20 giugno con Baciami ancora di Gabriele Muccino e Si può fare di Giulio Manfredonia, ma il ricco programma presto on line con un calendario interattivo, promette tanto cinema italiano e internazionale accompagnato dagli incontri con gli autori più noti ed emergenti.

Lo spazio Arena continuerà ad ospitare come consuetudine le grandi prime e gli eventi speciali, quello Cinelab il festival Nuovi Orizzonti Latini e Abstracta, una speciale retrospettiva sarà dedicata a Luis Buñuel e Giuseppe De Santis, mentre La Magia del Cinema in Ospedale continuerà a portare nella Sala dell’Assunta dell’Ospedale Fatebenefratelli, tanti eventi cinematografici gratuiti per le persone in cura e i loro familiari.

Oltre ad Un’isola del Giappone che presenterà in anteprima nazionale il film d’animazione Summer Wars di Mamoru Hosoda (La ragazza che saltava nel tempo), Dear Doctor di Miwa Nishikawa, vincitore di sei premi al festival di Yokohama dello scorso anno, e le serate del 6 e 7 luglio interamente dedicate alla cultura giapponese, la sezione Festival Isola Mondo non lesinerà anteprime che arrivano da Germania, Israele, Romania, Russia, Turchia, Argentina e Messico.

Fino al 5 settembre, in Cantiere Italia ci sarà spazio per le pellicole e gli incontri con autori affermati da Giuseppe Tornatore a Paolo Virzì, da Ferzan Ozpetek a Giovanni Veronesi, affiancati dalle opere prime dei giovani registi della sezione Talenti d’Italia, dai Dieci Inverni di Valerio Mieli a 18 anni dopo di Edoardo Leo, mentre il Festival Internazionale del Film di Roma in collaborazione con il Ministero della Gioventù assegnerà il premio Marco Aurelio per il miglior regista esordiente.

Seminari, workshop e laboratori sulla formazione professionale nel campo del Cinema animeranno la sezione I Mestieri del Cinema, in collaborazione con la Scuola di Cinema di Roma, l’Azteca Produzione e Distribuzione e il Teatro Golden, ai più giovani sono dedicati il laboratorio di educazione all’immagine e il workshop creativo del progetto Crescere con il Cinema, mentre Cinema e Letteratura saranno i protagonisti degli incontri del progetto Cinergie, insieme alle Biblioteche di Roma presenti sull’isola anche con uno stand.

  • shares
  • Mail