La Tana della Lupa: Sesto senso

La Roma vince ancora. E siamo a sei. Strapazza il Bologna e conserva il primato da record. Quassù gira quasi la testa.

Ora dovremo chiamarlo anche l'uomo della pioggia. Perché Rudi Garcia indovina anche il tempo, meteo. Questa volta la Roma parte a razzo e chiude i giochi dopo circa 25 minuti.

Poi nella ripresa amministra e si diverte sotto un diluvio torrenziale. Re della serata è Gervinho, la sorpresa più accattivante di questa 'nuova' Roma.


Doppietta di classe, galoppate di razza. Il ragazzo ripaga tutta la fiducia del suo, nostro mister, mentre intorno il resto della macchina gira perfettamente. Perfino troppo.


Difesa monumentale (che segna pure). Centrocampo alla Liedholm. La palla è sempre fra i piedi dei nostri, che poi quando attaccano sembrano quasi in contropiede.

Ovviamente ora cominceranno anche le partite più toste, a cominciare dalla prossima a Milano. Ma aver fatto legna con le piccole è fondamentale per la meta finale. Che resta l'Europa. Senza vertigini.

voti e pagelle

De Sanctis 6,5 Fino a metà ripresa fa stretching. Quindi si mostra sicuro bloccando sotto l'acqua un violento destro da fuori di Christodulopoulos. Quindi resta attento su qualche guizzo, e richiama sempre la difesa a restare concentrata. 0 gol a fine gara è il voto che gli interessa di più.

Torosidis 6.5 Sono molto contento di rivederlo. Giocatore fondamentale per garantire rosa decente alla squadra. Infatti si mostra subito pronto alla chiamata di Garcia.

Benatia 7,5 Ormai a Roma è già "il bello e la bestia". Potenza, tempo, velocità, posizione. Gol, e che gol! E dire che lacrimavamo tutti per l'addio di Marcos...

Castan 7 Non sbaglia nulla. Sovrasta il suo povero dirimpettaio.

Balzaretti 8 Stavolta mi alzo in piedi e batto le mani. La migliore partita da quando sei a Roma. Federì, ma allora bastava solo sbloccarsi col derby? Non erano problemi fisici. Sei ovunque, non sbagli un cross, cerchi il gol di classe. Cosa significa l'affetto dei tifosi.

Pjanic 7 A parte la punizia bomba per il primo gol di Florenzi, c'è tutto il repertorio di visione di gioco, controllo, difesa e ripartenza del motore in mezzo al campo della Roma. il genio.

De Rossi 7 Il collante tra difesa e centrocampo. Arpiona palloni, raddoppia dove serve, mette calma in apnea, ci prova da fuori. Praticamente il futuro di Daniele (capitano tra 10 anni). Come lo vedeva Capello. E probabilmente anche Luis Enrique. La colla.

Strootman 7 Era l'anello che mancava lì in mezzo. L'uomo duro che prende falli e sbroglia i grovigli, offrendo anche palloni perfetti alle punte. Con gli altri due qui sopra produce il centrocampo delle tre meraviglie. La pratica. Esce per Taddei 6,5 c'è e si fa le sue sgroppate

Florenzi 7 Il 2 a 0 è figlio suo. Tap in e ripartenza. Già per questo potrebbe tirare i remi in barca. Mentre si sbatte fino alla fine. Esce per Borriello 6 ancora un po' sfortunato. Arriverà il tuo momento.

Francesco Totti 6.5 Fosse un altro giocatore prendeva 7,5. Due assist al bacio dei suoi. Ricama e si fa trovare sempre. Ma voleva tanto quel gol candelina che se lo mangia davvero. #Nuntepreoccupà

Gervinho 8 La spina del fianco di un Bologna imbabolato che resta ad ammirarlo mentre lui fa sfracelli. Poteva farne anche altri due, ma quei due sono di una bellezza unica. A Roma prevedo un pazzesco aumento di corvine parrucche alla bob marley. Scommettiamo? Esce per Ljajic 6.5 Sempre un po' egoista, ma se lo può permettere. Classe immensa. Manco Totti ci credeva.

Garcia 9 L'uomo della pioggia. Ora vediamo come se la cava col fuoco.


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail