Metro C: San Giovanni lotta per salvare gli alberi

A San Giovanni si protesta per fermarne l'abbattimento degli alberi programmato dal cantiere per la tratta T3 San Giovanni - Fori Imperiali, della Linea C della metropolitana.

La linea C della Metropolitana resta in cantiere con tutte le sue incertezze, e se il nuovo accordo firmato dopo la pausa estiva forzata, ha ridefinito il cronoprogramma di consegna dell'opera, l'abbattimenti degli alberi necessario all'avanzare del cemento, si sposta dall'area dei Fori a quella di San Giovanni, dove residenti e comitati continuano a lottare per la sopravvivenza del verde all'avanzare del grigio.

Al cospetto degli alberi già abbattuti in piazzale Ipponio e via Sannio, tra chi piange e chi si incatena ai tronchi, il quartiere continua ai lottare per salvare platani, pini e olmi destinati a seguirli, per far spazio al cantiere logistico dall'impatto ambientale devastante per la tratta T3 San Giovanni - Fori Imperiali, per giunta ancora senza progetto e fuori dal cronoprogramma ufficiale della linea C della metropolitana, a rischio anche per il già pagato.

Alberi ai quali potrebbero forse estendersi i vincoli paesaggistici e archeologici che tutelano le vicine Mura Aureliane, ancora incerti durante l'ennesima assemblea per fermare la strage verde, tenuta ieri a Porta Metronia.

A questo si aggiunge anche l'appello presentato dal consigliere Pd Athos De Luca, mentre il Movimento cinque stelle lancia l'allarme sui “costi e i tempi indefiniti” della metro C, chiedendo di interrompere i lavori della tratta San Giovanni-Colosseo e Colosseo-Piazza Venezia, per valutare alternative sostenibili, efficienti, ed economicamente accettabili, come sostituire la metro con il prolungamento della linea tram 8.

Riguardo ai tagli delle laberature già effettuate si pronuncia una nota dell'assessore all'Ambiente, Agroalimentare e Rifiuti di Roma Capitale, Estella Marino.

"

I tagli che si stanno effettuando in questi giorni, così come confermato in più sedi dallo stesso assessorato alla Mobilità di Roma Capitale, sono strettamente legati al tracciato della metro C stabilito dalle precedenti amministrazioni, oggi non più modificabile. Sugli altri stiamo verificando con Roma Metropolitane e Metro C eventuali modifiche alla logistica che permettano di salvarne alcuni.

"

A questo si aggiungono le rassicurazioni riguardo alla fine dei lavori.

"Nel progetto, inoltre, oltre alla riqualificazione post lavori delle aree interessate, per ogni taglio effettuato abbiamo già ottenuto la piantumazione di quattro nuovi alberi che, al fine di assicurare il miglior attecchimento, saranno scelti tra esemplari di una certa dimensione. A tal proposito - conclude l’Assessore Estella Marino - di concerto con il competente assessorato alla Mobilità, si aggiorneranno i tavoli già avviati con i comitati, le associazioni e le altre parti interessate per definire al meglio le collocazioni di queste alberature, cercando di far convergere le esigenze progettuali con le richieste dei cittadini."

Marina Guglielmi, presidente del Comitato di residenti Ipponio Verde spiega che

"In un primo momento i cantieri dovevano passare dai campi sportivi (Tennis Roma e Romulea...), poi l'iter è stato modificato per venire incontro ai gestori degli impianti"

Se anche voi vi state chiedendo perché la tutela dei campi sportivi non si possa estendere anche alle alberature e il giardino di via Ipponio custodito da famiglie e bambini del quartiere, potreste raggiungere i residenti che saranno sotto l'Assessorato all'Ambiente proprio per chiederlo, il prossimo 2 ottobre.

  • shares
  • Mail