Ok al trasferimento dei rom di Tor de' Cenci

Il Comune assegnerà ai rom di Tor de’ Cenci una nuova aerea attrezzata, ma ancora da definire. E' quanto recita l'accordo stipulato fra il Campidoglio e i rappresentanti dei 360 residenti dell’insediamento; i quali hanno accettato il trasferimento dopo le perplessità di alcune settimane fa quando avevano lasciato le trattative. Il documento, alla fine, porta la firma di Angelo Scozzafava, direttore del V Dipartimento del Comune, e dei portavoce dei rom Halid Omerovic, Ferid Sejdic e Severdzan Bedzet.

Soddisfatto Alemanno: "E' un tassello importante che permette di accelerare il Piano nomadi. Un piano che segue linee di rigore per la sicurezza dei cittadini e che, nell’ottica di una reale integrazione, è condiviso anche dalla comunità nomade".

Nelle operazioni di ricollocamento delle comunità, che comprendono fra gli altri circa 200 minorenni, sarà coinvolto un gruppo di coordinamento e garanzia composto dal rappresentante del Coordinamento Roma Rom, Najo Adzovic, e da associazioni di ispirazione cattolica. I lavori di costruzione del nuovo centro di Tor de’ Cenci, all'interno di un’area da acquistare o in locazione, potrebbero durare alcuni qualora si tratti di riadattare strutture preesistenti, oppure poco più di sei mesi se bisognerà farlo nascere dal nulla. I fondi necessari, non quantificati, saranno prelevati dai 25 milioni di euro previsti per il Piano nomadi.

Foto | scheggiedivetro

  • shares
  • Mail