Alemanno annuncia l'aumento delle tasse a Roma: crescono Irpef, tasse aeroportuali e Ici su seconda casa sfitta


Aumentano l'Irpef, la tassa aeroportuale per tutti i passeggeri in partenza dagli scali romani e l'Ici per la seconda casa, solo se permenentemente sfitta. E forse arriva il pedaggio sulla Roma-Fiumicino. Sono queste le conseguenze della corsa ai 500 milioni che il Governo avrebbe dovuto corrispondere ogni anno a Roma e che ha avuto come protagonisti il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ed il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

La storia è nota. Per ripianare il debito della città, che Alemanno ribadisce essere stato "ereditato dalle gestioni precedenti" così come denunciavano, per l'appunto, anche le precedenti gestioni rispetto a quelle ancora prima, il Comune aveva chiesto al Governo 500 milioni all'anno. Ieri la doccia fredda. "I milioni sono 300 - ha detto Tremonti al sindaco, che pure ce l'aveva messa tutta - Se volete altri 200 milioni ecco cosa dovete fare". E qui ecco la brutta notizia: le tasse aumentano.

Fino ad un euro in più a biglietto per gli aerei in partenza da Roma attraverso un'addizionale commissariale sui diritti di imbarco di passeggero. Un incremento dell'addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) fino ad un limite massimo dello 0,4%. Il tutto dal 2011. Misure che al sindaco "non piaciano molto, non voglio farne un mistero - ha detto lo stesso Alemanno - ma che sono sacrifici nei limiti della sopportabilità". Ma non è tutto: oltre alla tassa sui tursiti potrebbe salire anche l'Ici sulla seconda casa. Per saperne di più e per sapere di quanto salità per tutti voi l'Irpef continua a leggere.

Secondo i calcoli del Campidoglio l'addizionale Irpef aumenterà in maniera proporzionata al reddito di ciascuno di noi. Per un pensionato minimo, in pratica, l'imposta salirà di 2,83 euro al mese, per gli impiegati ed i liberi professionisti di circa 10, per i dipendenti pubblici di una media di 25 euro circa e per i top manager ed i dirigenti privati di primo livello di 83,33, sempre al mese naturalmente. Con questi 200 milioni, forse più, all'anno il Comune potrebbe incassare da oggi al 2046 un po' meno di 10 miliardi che insieme ai 10,5 miliardi derivanti dai 300 milioni annui porteranno nelle casse comunali 20,5 miliardi in 35 anni.

Ma come detto le novità non sono finite. Insieme ai tagli, infatti, il Comune avrà anche nuove entrate. E se dell'aumento del biglietto dei mezzi pubblici ancora non si sa nulla di preciso, ma si intuisce che se ne sta discutendo nelle stanze dei bottoni, è sicuro che arriverà la nota tassa per i turisti, che porterà in casa tra i 64 ed i 105 milioni all'anno, e che aumenterà l'Ici sulla seconda casa se permanentemente sfitta. Questa misura farà felici quanti oggi vedono in questo fenomeno un lusso egoista che aggrava l'emergenza casa e incrementa l'evasione fiscale. Sarà invece un problema per chi, invece, una seconda casa ce l'ha ed è appunto sempre sfitta (o, peggio, affittata in nero...).

Resta infine un'ipotesi, sul quale si sta studiando, quella del pedaggio autostradale sulla Roma-Fiumicino. "Faremo di tutto per evitarlo" ha detto Alemanno che ha comunque escluso pedaggi sul Gra.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: