Rifugiati a Roma: dall'accoglienza all'integrazione, da Papa Francesco al Sindaco Marino

Dall'accoglienza all'integrazione, il percorso dei rifugiati ospitati a Roma, è oggetto di riflessioni, affermazioni e progetti, da Papa Francesco al Sindaco Marino.

La visita di Papa Francesco al centro Astalli per i rifugiati politici, condotta in utilitaria (Ford Focus blu targata Scv 919) blu con il solo capo della Gendarmeria vaticana, Domenico Giani, in un momento caldo a livello internazionale, dopo la veglia di sabato scorso, punta a trasformare il percorso di accoglienza di vittime di guerre, soprusi e violenze, in processo di integrazione per immigrati, profughi e rifugiati.

Un processo che potrebbe presto accoglierli in quei conventi vuoti che "non servono alla Chiesa per trasformarli in alberghi e guadagnare i soldi",

«A cosa serve tenerli così? Dovrebbero servire alla carne di Cristo e i rifugiati sono la carne di Cristo»

Giusto, bisognerebbe dirlo al Vaticano, in ogni caso il messaggio è arrivato forte e chiaro al Sindaco di Roma Ignazio Marino.

"Secondo il messaggio del Papa il nostro Paese concede lo status di rifugiato a persone che hanno sofferto, sono fuggite da guerra, violenze e torture. Nel momento in cui arrivano in Italia non sono clandestini, ma sono persone che, da un paese democratico come il nostro, dovrebbero essere accolte. E invece vengono abbandonate al loro destino. Questo certamente non può accadere a Roma, che è forse la prima tappa, dopo le coste, dove i rifugiati si rivolgono".

Il sindaco alle prese con il censimento di quel patrimonio immobiliare della nostra città ancora sconosciuto, seguito dalla verifica delle situazioni di legalità, e quell'accoglienza ai rifugiati che non può certo negare la capitale millenaria sotto gli occhi di tutti, con un ruolo e aspirazioni internazionali delicate.

"Nei prossimi mesi, quando conosceremo la situazione, dovremo intervenire. Il ruolo internazionale di Roma si gioca anche in questo, non solo nell'arte e nella cultura".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail