Parco Schuster libero ma ferito

Il Parco Schuster è stato "liberato" dalla Festa dell'Unità. I residenti sono ancora furibondi per i danni subiti.

Ricorderete il nostro articolo (suggerito da un lettore) sulla raccolta di firme avviata dai residenti per protestare contro i disagi.

Sulla pagina Facebook di questo comitato naturale, abbiamo seguito ancora l'evoluzione della vicenda.

"Il 7 agosto il Parco è stato definitivamente riconsegnato al pubblico utilizzo - leggiamo negli aggiornamenti - Inutile ribadire la rabbia per come è stata gestita da organizzatori ed enti locali tutta la questione perché in tanti su questa pagina e ovunque hanno fatto sentire la propria voce di cittadini liberi e pensanti".

C'è stato poi un sopralluogo venerdì 9 con i tecnici del Municipio che dovevano stendere la relazione su danni ed esposti di qualunque tipo nei confronti della festa "democratica". Questo è un video denuncia che gira su youtube.

Sei membri del comitato hanno partecipato alla ricognizione dei danni insieme ad oltre 20 consiglieri municipali di tutte le forze politiche facenti parte della Commissione controllo e garanzia.

I danni rilevati sono stati quelli già più volte segnalati (manto erboso, impianto di irrigazione, lastricato di marmo...) e in aggiunta anche l'uso improprio delle fogne. La devastante festa del PD si è infatti allacciata alle fogne del centro anziani scaricando lì gli oli delle fritture e delle cucine cosicché adesso ogni volta che al centro aprono un lavandino l'olio riviene a galla! Non si contano le botole aperte e non richiuse correttamente, i bocchettoni dell'impianto interrati o divelti, i tubi spaccati...

La Commissione si è impegnata a mettere il tutto a verbale che sarà poi possibile richiedere e rendere pubblico. Nel frattempo ci saranno ulteriori sopralluoghi del servizio giardini e della Sovrintendenza. Tutta la burocrazia istituzionale si muoverà per quantificare i danni e tutti sembrano convinti che alla fine gli organizzatori della festa pagheranno essendoci anche la fideiussione bancaria a garanzia.

Noi non diamo nessuna fiducia in bianco a chi ha preferito sfasciare tutto piuttosto che muoversi nel rispetto del Parco e, al termine della pausa istituzionale, 27 agosto torneremo ad incontrarci con la suddetta commissione per verificare che i danni vengano pagati dai responsabili e che il parco venga ripristinato... una cosa è certa: nessuno ripagherà cani, bambini, anziani e noi tutti per il danno subito dal furto del parco in questa estate 2013.

  • shares
  • Mail