La notte bianca dei Fori tra proteste e celebrazione

Ieri sera c'è stata contestazione durante la Notte dei Fori Imperiali. Ma non per pedonalizzazione voluta dal neosindaco, Ignazio Marino, bensì per la discarica sull'Ardeatina.

La più offesa è sembrata lei, la presidente della Camera, Laura Boldrini, pronta per il taglio del nastro in via Largo Corrado Ricci, accanto ad un Ignazio Marino capace di mascherare bene il nervosismo per una contestazione improvvisa.

Ci hanno messo un po' a scendere dal Campidoglio, per via delle proteste, alle quali partecipava anche l'ex sindaco Gianni Alemanno, contro la realizzazione della discarica sull'Ardeatina.

La passeggiato su Via dei Fori è stata più faticosa del previsto, circondati com'erano da vigili, agenti di sicurezza e cittadini e da gruppetti di manifestanti che li accompagnavano con striscioni e grida ("no alla discarica. Vergogna!").

Alla fine però la Notte Bianca dei Fori Imperiali è cominciata. E i romani che hanno respirato un po' dopo l'afa e il caldo di questo week-end da "bollino tenebra", mentre a poche centinaia di metri si organizzavano fantomatici sit-in da "guerra civile", avevano tutta l'aria di apprezzare.


[foto by Nathalie Naim]

Il punto è per ora tutto questo, proteste comprese, conta poco. Bisogna aspettare il traffico vero per capire se il progetto può funzionare. Restiamo ottimisti, perché da qualche parte bisogna pur cominciare a cambiare. E il Colosseo va liberato da quell'imbuto, e un domani dall'intero anello.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: