"Storie d'arte e di misfatti. Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti"

Storie d'arte e di misfatti. Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti

Il 21 aprile scorso, giorno di grandi festeggiamenti per il 2763° Natale di Roma, non sono mancati contributi di ogni genere per rendere omaggio alla storia e alle storie della capitale, tra queste anche l’inaugurazione della mostra "Storie d'arte e di misfatti. Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti", esposta nelle sale della Calcografia all'Istituto Nazionale per la Grafica.

Ingredienti principali della mostra sono l’Archeomafia, la parola coniata da Legambiente all’inizio degli anni ’90 per definire l’attività illegale della criminalità organizzata nell’ambito dei beni culturali, sei indagini condotte dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, e altrettante storie raccontate a fumetti.

All’arte del fumetto, per la prima volta nel tempio della grafica, e ai differenti stili di Sara Colaone, Marco Corona, Giancarlo Alessandrini, Fabio Visintin, Maurizio Ribichini e Giuseppe Palombo, è affidato il compito di raccontare le peripezie di un reperto preistorico, di un mosaico catacombale, di un libro seicentesco, di dipinti autentici e di falsi d’autore.

Storie d'arte e di misfatti. Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti
Storie d'arte e di misfatti. Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti Storie d'arte e di misfatti. Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti Storie d'arte e di misfatti. Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti Storie d'arte e di misfatti. Sei indagini sull'archeomafia raccontate a fumetti

L’Offerta disegnata da Sara Colaone, racconta di un piccolo vaso, creato da un bimbo migliaia di anni fa, salvato dalla distruzione. Fiori finti di Maurizio Ribichini è ambientato a Porta Portese, tra oggetti di vero antiquariato e falsi dipinti di Giacomo Balla.

Ex libris di Fabio Visintin illustra le vicende di un bibliofilo che alimenta il vizio del gioco rubando libri antichi. Reperti di Giancarlo Alessandrini descrive il recupero di un mosaico romano del IV – III secolo. Colori nel buio di Marco Corona narra le vicende dell’infermiere di un nosocomio romano, abile falsificatore di Mario Schifano.

In Una Sacra Famiglia di Giuseppe Palombo, dipinti di anonimi pittori vengono attribuiti a grandi Maestri del passato da critici d’arte collusi con la malavita, in modo di aumentarne immensamente il valore.

La mostra a cura di Paolo Barcucci con allestimenti di Cinzia Leone, espone i fumetti ispirati a storie vere di traffici illeciti insieme alle sei opere recuperate dai Carabinieri, ovvero un reperto votivo d’era precristiana, un mosaico catacombale, un volume bodoniano, dipinti autentici e falsi d’autore.

Per l’occasione le storie a fumetti sono state raccolte in un volume edito dalla Francesco Coniglio Editore, a cura di Paolo Barcucci con testi di Silvano Mezzavilla, Paolo Barcucci e Alessandro Ruggieri.

La mostra promossa da Legambiente, sarà visitabile ad ingresso libero fino al 16 maggio 2010, dal martedì alla domenica, 10-19, presso l’Istituto nazionale per la Grafica in Via della Stamperia 6. (Info: 06 69980238)

  • shares
  • Mail