Mercoled' 21 aprile 2010, Fiumicino torna finalmente alla normalità - Voli regolari (esclusi quelli per il nord Europa) dopo l'emergenza Eyjafjallajokul


La nube di cenere gira un po'. I venti la spazzano via. E qualche modello matematico in più ha dimostrato che alle nostra latitudini la quantità di ceneri in aria è minima. Il risultato è che gli aeroporti italiani, Fiumicino in primis, hanno ricominciato a funzionare ed i voli aerei a partire.

Buone notizie, dunque, per l'aeroporto Leonardo da Vinci. L'emergenza causata dalle ceneri sospese causate dall'eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajokul è stata superata, almeno in questa fase attuale. Oggi l'Enac ha comunicato che "di aver disposto la riapertura dell'intero spazio aereo italiano" compreso il Nord Italia. E che pertanto potranno essere ripristinate le programmazioni dei voli verso ogni destinazione internazionale ed intercontinentale. Per ora restano esclusi dal ripristino dei collegamenti soltanto gli aeroporti del Nord Europa ancora chiusi, per i quali si dovranno attendere le decisioni delle locali autorità per l'aviazione civile.

Da Fiumicino, l'Adr, fa sapere che l'aeroporto sta tornando gradualmente alla normalità. Da Roma sono anche atterrati i primi voli da Londra e dalla Germania e gli aerei stanno decollando al ritmo di 64 velivoli l'ora contro una media di 90 quando tutto è regolare. Giovedì è prevista la piena operatività dello scalo.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail