Renata Polverini: il video-scandalo di "Striscia" e il buon vecchio clientelismo

Eccolo: il video-scandalo mandato in onda ieri da "Striscia la Notizia". 'Rubato' durante un incontro dopo la vittoria del neo-presidente della Regione Lazio. Si sa che dopo i risultati delle elezioni, tutti arrivano a 'battere cassa'. 'Stavolta però Vincenzo Zaccheo, sindaco di Latina, esagera.

Prima sussurra all'orecchio della Polverini una sfilza di voti che le avrebbe procurato facendo il giro della provincia "a nuoto" (Zaccheo...non sei riuscito a procurarti neanche un canotto?), poi le chiede di non dimenticarsi delle sue figlie (starà parlando del regalo di Natale?), infine scredita il senatore Claudio Fazzone del PdL chiedendo a Renatona di non appaltargli più nulla visto che ha perso ben 15000 voti.

E la presidentissima? Annuisce e acconsente su tutto. Alla richiesta per le figlie risponde ""No, ma stai scherzando? Domani mi faccio il calendario, mi faccio un giro". Chissà dove andrà a farselo mai, questo 'giro'. E su Fazzone? La risposta è 'de còre': "No, no, stai tranquillo, eh!..A' bello, e che io.." ("nun ce lo so?": forse voleva aggiungere questo?).

Fazzone è un senatore molto in vista che ha recentemente guidato una 'cordata' di Forzisti contro il sindaco Zaccheo, storico esponente di An (il partito dalle cui file arriva la Polverini). Segno probabile che, anche a livello locale, esistono quelle lotte interne al PdL di cui si vocifera ultimamente.

La 'perla' di questo piccolo manuale di clientelismo però è in una frase un po' ambigua, pronunciata proprio dallo stesso Zaccheo. Una frase che ha poco a che fare con la politica ma getta lo stesso luci inquietanti sul Presidente della Regione e sullo stesso sindaco di Latina che nel salutare esordisce in modo sibillino: "Ti devo dire una cosa: complimenti! Hai dimostrato di essere come me: una donna tenace!". Cosa avrà voluto dire?

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: