Gita fuori porta: a Velletri per la sagra della lumaca

È passato quasi un mese dalla festa di San Giovanni (24 giugno), data in cui a Roma, secondo la tradizione, si mangiano le lumache, ma ne parliamo oggi, dal momento che proprio questo weekend a Velletri si festeggiano nella sagra della lumaca.

La memoria liturgica del Santo coincide con l’inizio dell’estate, tradizionale festa pagana, in cui si mescolano riti d’iniziazione e simboli. Le lumache erano tra questi e mangiarle durante la notte del 24 giugno si credeva avrebbe preservato dal malocchio e dalla sfortuna. Tradizionalmente, poi, si facevano spurgare per un giorno e una notte aiutandosi con latte e aceto, si avvolgevano in una sfoglia e si friggevano polverizzate di erbe aromatiche, pepe, aglio e zafferano, e irrorate da succo d’uva acidula.

Non so se nella manifestazione veliterna riprodurranno fedelmente questa ricetta antichissima, ma certo è che negli stand gastronomici che durante la due giorni saranno aperti dalle 16 a mezzanotte, potrete gustare le lumache in diverse preparazioni. Si tratta – è bene sottolinearlo – di un piatto a km 0 perché le lumache vengono dagli allevamenti locali e sono talmente prelibate da venire esportate anche in Francia dove l’escargot è un’irrinunciabile specialità.

Oltre a questo troverete un piacevole mercatino dell’artigianato e, la domenica, anche bancarelle d’antiquariato che a Velletri espongono ogni terza del mese, oltre a spettacoli d’intrattenimento per tutti e il rito del salto dei fuochi, con la tradizionale promessa di diventare compari o comari, che sarà solennemente pronunciata in chiusura di manifestazione, alle 22 di domenica.

E poi, intorno, c’è sempre Velletri, con la sua storia di mitica città dei Volsci, da tempo immemorabile denominata “la illustre” e l’unica, nelle vicinanze di Roma, a mantenere la propria fiorente vita cittadina anche in epoca medievale. Oggi parte del Parco naturale dei Castelli Romani che si snoda lungo la via Appia, dei suoi momenti di maggior gloria potete ancora ammirare tanti monumenti come chiese e palazzi, oltre ai fulgidi esempi di architettura militare che sono la splendida Porta napoletana che guarda verso sud, o la più recente Porta romana a nord, opera del Vignola.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail