Villa Adriana. Una storia mai finita: una mostra per celebrare i fasti della città imperiale

Villa Adriana, una storia mai finita

Come tanti romani per niente amanti del caos cittadino, l’imperatore Adriano risiedeva in una sontuosa dimora più vasta di Pompei ai piedi dei colli Tiburtini, Villa Adriana, il più importante e sofisticato monumento della cultura greco romana nonché durevole fonte d'ispirazione artistica per le epoche a venire, che si dovrebbe preservare da crolli.

Costruita a più riprese dall’imperatore architetto a partire dal 117 d.C., sperimentando gli ideali estetici ed architettonici ispirati al mondo ellenico e orientale, questa sorta di città ideale frutto dell'abilità edilizia e del gusto artistico dei romani, finì per ospitare una quantità considerevole d'arredo scultoreo, andato poi disperso nei numerosi musei italiani ed esteri.


Preziose sculture come il celebre Fauno ebbro in marmo rosso rinvenuto nel 1736 e diventato fulcro del Museo Capitolino dopo il sapiente restauro di Bianchi e Cavaceppi, che fino al primo novembre 2010 torneranno a far rivivere i fasti dell’antica ed elegante dimora grazie alla mostra Villa Adriana, una storia mai finita.

Villa Adriana, una storia mai finita
Villa Adriana, una storia mai finita Villa Adriana, una storia mai finita Villa Adriana, una storia mai finita

Per l’occasione negli spazi musealizzati dell’Antiquarium del Canopo si potrà ammirare una ricostruita galleria degli imperatori grazie ad uno scultoreo cratere con gru e serpenti e una serie di ritratti (Marco Aurelio filosofo e Crispina dalla meravigliosa acconciatura) provenienti dal Museo Nazionale Romano, oltre ai busti e le teste di Antinoo, Alessandro Severo …concesse dai Musei Vaticani.

Oltre alla documentazione sui preziosi pavimenti e pareti in tarsie marmoree (sectilia), ai reperti Egizi di Villa Adriana si aggiunge il bel cratere in granito con protomi leonine e scene egittizzanti dalle collezioni egizie dei Musei Capitolini, mentre caratteristici fregi figurati arrivano dal Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo e dal Teatro Marittimo al British Museum di Londra.

Dopo aver stimolato la creatività dei più importanti maestri del Rinascimento, segnato profondamente l'opera di Borromini, ispirato architetti del XX secolo come Le Corbusier e Louis Kahn, la cittadella imperiale torna ad ispirare tutti noi con Villa Adriana. Una storia mai finita, una mostra che si può prenotare e visitare tutti i giorni dalle ore 9.00 ad un’ora prima del tramonto (entrata 10 euro intero, 6.75 euro ridotto).

L'evento è frutto di un meditato progetto scientifico a cura della soprintendente Marina Sapelli Ragni con la collaborazione della professoressa Francesca Ghedini e dell’architetto Mario Lolli Ghetti, già direttore regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Lazio, e di tutti gli studiosi che in questi anni hanno compiuto ricerche archeologiche a e su Villa Adriana, in primo luogo di quanti hanno operato ed operano nella Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio.

  • shares
  • Mail