Porta Portese - 8,8 milioni di euro per il restyling in arrivo dalla Regione Lazio

Per il restyling di Porta Portese, arrivano 8,8 milioni di euro, dal finanziamento della Regione Lazio di 122,6 milioni di euro, una “boccata d’ossigeno” per 16 Comuni, 183 interventi e 73 opere pubbliche.

A distanza di diverse stagioni, con il caldo arrivano news fresche anche per il restyling di Porta Portese, in attesa dei fondi europei del progetto P.L.U.S. per la graduale riqualificazione dell’area in un polo di attrazione culturale e produttivo.

Un contributo pari a 8,8 milioni di euro, destinati alla capitale e in particolare agli interventi di riqualificazione urbanistica del degradato mercato domenicale, e dell’edificio ex G.I.L. di Largo Ascianghi 5, cui lavori partiranno a breve, con interventi mirati su ambiente, viabilità e arredo urbano.

Solo una parte dei 122,6 milioni di euro ammessi a finanziamento dalla Regione Lazio con il grande progetto P.L.U.S. – Piani Locali e Urbani di Sviluppo – messo a punto dalla Regione Lazio utilizzando le risorse europee del POR FESR 2007-2013 (Asse V),

Sedici Comuni ammessi a finanziamento,183 interventi tra cui 73 opere pubbliche, con un finanziamento della Regione Lazio di 122,6 milioni di euro. Questo il primo bilancio tracciato dall’assessorato alle Attività produttive e da Sviluppo Lazio ad un anno dall’avvio del programma

Risorse destinate ai comune di Roma insieme a quelli di Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo, sette comuni in provincia di Roma (Albano, Fonte Nuova, Guidonia, Marino, Monterotondo, Pomezia, Velletri) e quattro in provincia di Latina (Aprilia, Cisterna, Formia, Fondi).

Sedici Comuni che ad un anno del programma hanno

“avviato le procedure di gara relative a 52 opere pubbliche su 73 complessivamente finanziate (circa il 71% degli interventi) per un contributo stanziato di quasi 69 milioni di euro; mentre delle 52 opere avviate, 9 sono in fase avanzata di esecuzione (cantiere aperto); 16 hanno concluso l’iter per l’aggiudicazione; 27 risultano in fase di presentazione o valutazione delle offerte.”

Il comune di Roma, Viterbo, Fondi, Formia, Albano e Fonte Nuova avendo già pubblicato le gare relative a tutte le opere pubbliche ammesse a finanziamento entro l’autunno dovrebbero quindi riuscire ad aprire gran parte dei cantieri. Per tutte in ogni caso la tempistica e stretta per non perdere i finanziamenti.

«Rispetto al passato la Regione Lazio è riuscita a ridurre in modo significativo i tempi delle procedure, fissando per i Comuni un rigido cronoprogramma di attuazione degli interventi, sia per non correre il rischio di perdere le risorse europee, sia per garantire a cittadini e imprese la rapida realizzazione e conclusione delle opere».

Le amministrazioni comunali che rispetteranno i tempi di attuazione riceveranno quindi una “premialità” in termini di risorse, che consentirà loro di portare a compimento i progetti non finanziati in precedenza per mancanza di copertura finanziaria.

Foto | © by Rondone®

  • shares
  • Mail