Roma vista dai giornali stranieri. Tassisti romani? Burberi quanto i parigini

I francesi, si sa, non sono noti per il loro calore umano. Non stupisce quindi la news che secondo un sondaggio effettuato fra i turisti inglesi (che all'educazione, si sa, ci tengono) i tassisti di Parigi siano risultati “burberi”, poco amichevoli, secondo gli intervistati. Piuttosto, ci stupisce che come loro siano considerati proprio i tassisti romani.

I francesi, si sa, non sono noti per il loro calore umano. Non stupisce quindi la news che secondo un sondaggio effettuato fra i turisti inglesi (che all'educazione, si sa, ci tengono) i tassisti di Parigi siano risultati “burberi”, poco amichevoli, secondo gli intervistati. Piuttosto, ci stupisce che come loro siano considerati proprio i tassisti romani.

Il sondaggio nello specifico è stato effettuato dalla compagnia inglese Airport Transfert, e basato su alcuni quesiti rivolti a oltre duemila turisti inglesi appunto, che hanno fatto una vacanza oltre oceano nell'ultimo anno, quindi nel 2012.

E dal sondaggio appunto risulta che agli ultimi posti per gentilezza e aiuto a chi arriva in città per la prima volta ci sono i turisti romani. Ma in cosa consiste la “gentilezza e l'aiuto” richiesti ai nostri?

Secondo l'86 per cento degli intervistati non c'è dubbio: è auspicabile che siano aperti al colloquio con il cliente che decidono di trasportare, per rispondere a sue domande ed esigenze, e farlo sentire più accolto, di sicuro, dal punto di vista umano.

In più, il 46% sostiene che un tassista “amichevole” è chi dà consigli e fornisce elementi di conoscenza sul posto che si va a visitare.

Certo, siamo in buona compagnia: insoddisfacente anche il comportamento dei tassisti di Ibiza e Dubai, mentre gli intervistati sono soddisfatti invece dei modi e della gentilezza dei tassisti di altri luoghi molto vacanzieri come l'isola greca di Rhodi, oppure, a Maiorca, Palmanova.

A questo punto qualcuno potrebbe dire che romani e parigini sono scortesi perchè non vivono in belle località marine ma nel traffico h24: e invece nella lista dei più “friendly” ci sono anche quelli di una metropoli caotica come New York.

Le rare volte che mi è capitato di prendere un taxi a Roma io in realtà mi sono sempre trovata bene, a parte qualche eccezione dovuta appunto a un soggetto particolarmente taciturno o impegnato a non perdersi una parola delle trasmissioni sulle radio sportive preferite. E voi? Vi sembrano credibili i risultati di questo sondaggio?

Via | Daily Mail , Wanted in Rome

Foto | Getty

  • shares
  • Mail