Saldi Roma 2013. Male i piccoli negozi, e calano gli acquisti

Si “saldi” chi può. Ovvero pochi - e sempre meno - romani. Secondo una analisi del Codacons infatti, la morsa della crisi quest'anno stringe di più, e ci sarà un crollo delle vendite con gli sconti di oltre il 10%.

Più precisamente, la contrazione delle vendite dei saldi - che iniziano, come vi abbiamo segnalato, il 6 luglio - si attesterà al 13%. Ma quanti romani potranno permettersi lo shopping a cuor leggero, fra qualche giorno?

Praticamente meno di un concittadino su due, si darà alle pazze spese: solo il 47% di noi infatti metterà mano al portafoglio per approfittare delle svendite. Un dato in calo rispetto allo scorso anno, quando la percentuale era stata del 55%.

La crisi riguarderà soprattutto, però, i piccoli negozi, che secondo le previsioni vedranno le vendite arrivare anche a un -20%. Preferiremo quindi i centri commerciali, e gli outlet. Spenderemo, nella media, relativamente poco: circa 78 euro a testa, contro gli 85 registrati nell'anno passato.

Gli unici a spendere bene e parecchio saranno, a quanto sembra, gli stranieri: molti turisti infatti approfitteranno delle svendite per unire lo shopping alla visita della Capitale. La loro presenza però, a quanto risulta, sarà concentrata sopratutto sulle “firme”, sulle grandi boutique dei marchi più famosi all'estero.

I loro acquisti riguarderanno ovviamente, per motivi logistici, soprattutto il centro storico, l'area più visitata – ovviamente – della nostra città per chi viene da fuori. E voi? Acquisterete in saldo quest'anno? E cosa? Abbigliamento o altri generi di prodotto? Quanto prevedete di spendere? E soprattutto: vi rivolgerete ai centri commerciali o ai negozi più piccoli, di fiducia?

Foto | Getty

  • shares
  • Mail