Cotral tra debiti, ricapitalizzazioni, interrogazioni e lo sciopero dei bus di lunedì 8 luglio 2013

Dopo crisi, debiti, buchi di bilancio, proteste e promesse di ricapitalizzazione, lunedì 8 luglio 2013, la società di trasporto pubblico extra urbano Cotral, torna a scioperare per otto ore, fermado i suoi mezzi e il personale dalle ore 8:30 alle ore 16:30.

La bufera in Cotral infuria da un po', e tra scioperi, debiti e polemiche, non accenna a placarsi. L'impegno della Regione Lazio a finanziare 32 milioni di euro per ricapapitalizzare la società e non farla fallire, in cambio di drastici cambiamenti nell'amministrazione, ha già raccolto la disponibilità del presidente Cotral.

Il delegato Cotral Vincenzo Surace, è invece pronto a 'ricordare' a Zingaretti la responsabilità della Regione sull'accumulo dei debiti di Cotral, che da questa ha maturato crediti di circa 250 milioni di euro, per interessi e mancato aggiornamento Istat, e ulteriori 180 milioni di euro per mancati pagamenti del contratto di servizio.

Oltre 50 milioni Cotral li aspetta invece da Atac, e per rinfrescargli la cosa i dipendenti Cotral sono appena tornati a protestare davanti alla sede Atac sulla Prenestina.

Quelli che aderiscono alle organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugltrasporti, invece incrociano le braccia lunedì per 8 ore, dalle 8:30 alle 16:30, con gli inevitabili disagi per pendolari.

Alle dinamiche della società si interessa anche il consigliere Fabrizio Santori (la Destra)


“Vogliamo vederci chiaro su diverse questioni che oggi gravano sulle casse dell’azienda, impedendone di fatto una gestione equilibrata e un rilancio del trasporto in tutto il territorio laziale che è ritenuto, dalla maggioranza degli utenti, inefficiente e in alcuni casi addirittura inutile. Abbiamo presentato un pacchetto di interrogazioni in cui chiediamo al Presidente Zingaretti di fare innanzitutto chiarezza sulla gestione degli immobili, come ad esempio la sede occupata di Via dei Radiotelegrafisti, sul personale assunto nel biennio 2008-2009, tra cui figurerebbero 140 unità con qualifica di autista, nei rispetti dei quali è doveroso controllarne le odierne mansioni alla luce di una dichiarata forte carenza di personale in tale ambito, ed infine sulla gestione dell’evasione tariffaria, che per le linee Cotral avrebbe raggiunto livelli superiori al 50%”

Foto | attesa alla stazione bus Cotral Tiburtina

  • shares
  • Mail