Anniversari a Roma: oggi il 66esimo dell’eccidio delle Fosse Ardeatine


Una corona di fiori, un minuto di silenzio, il picchetto d’onore dei Lancieri di Montebello, il triste elenco delle 335 vittime: è stato celebrato così oggi, a Roma, il 66esimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, avvenuto il 24 marzo 1944.

Fu un vero e proprio massacro di 335 persone, appunto, militari e civili, operato dai tedeschi come atto di rappresaglia per l’attacco partigiano alle loro truppe avvenuto il giorno prima in via Rasella. Oggi, tra l’altro, è in programma anche l’inaugurazione di una targa che ricorda l’evento di via Rasella. Le ‘Fosse’ sono cave di pozzolana lungo la via Ardeatina che i tedeschi scelsero per occultare i cadaveri e che oggi sono un monumento del ricordo visitabile.

Alla cerimonia erano presenti diverse autorità locali e nazionali: tra gli altri, il Presidente della Repubblica Napolitano, il sindaco di Roma Alemanno, il presidente della Provincia Zingaretti, il vicepresidente della Regione Montino, la candidata alle Regionali Polverini. Il ministro della Difesa La Russa, inoltre, pare abbia affidato al Ris l’esame del dna per attribuire finalmente i nomi alle 12 salme che riposano ignote.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail