Cinema a Roma: chi chiude e chi cambia gestione

SalaCinema

Disagi, chiusure e problemi per alcuni dei più importanti cinema romani. Dopo gli scioperi dei giorni scorsi, sono emersi maggiori dettagli su quanto sta accadendo alle sale di proprietà dei gruppi Mediaport Cinema Srl (ex Cecchi-Gori) e Circuito Cinema.

La protesta nasce dal Cub (Comitato unitario di base), un sindacato autonomo a cui aderiscono un centinaio di operatori del settore. L'ennesimo motivo di esasperazione è la vendita del 50% del cinema Metropolitan di via del Corso. Il prossimo 31 marzo, infatti, i locali del multisala verranno letteralmente dimezzati per lasciare spazio a un negozio della catena di abbigliamento Benetton. Il 'trucco' c'è: la nuova proprietà potrebbe approfittare della delibera comunale che consente la ristrutturazione dei cinema, mantenendo ad attività culturale la metà degli spazi.

Intanto Marco Valsania, titolare del cinema Eden, ha rilevato due multisala da quattro schermi: il Roxy, ai Parioli, che però non riaprirà prima del prossimo settembre con l'arrivo della nuova stagione, e il Jolly (nel quartiere Italia), che è stato 'abbandonato' proprio da Circuito Cinema e sarà destinato a una programmazione più commerciale.

I problemi e i dubbi sul futuro delle sale riguardano però anche gli altri cinema dei due circuiti: Admiral, Adriano, Ambassade, Atlantic, Broadway, Empire, Gregory, Reale, Roma e Troisi sono a rischio, visto che non è stato dichiarato come verranno gestiti e alcuni dipendenti hanno già ricevuto delle lettere di trasferimento. In tutti i cinema citati, il normale corso della programmazione è comprensibilmente a rischio. Vi consigliamo di accertarvi con una telefonata degli eventuali disagi.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: