L'Operazione "Mimosa" della Polizia Municipale passa al setaccio i fiorai di Roma


Alzi la mano di non si è mai chiesto se i fiori esposti da tante bancarelle e chioschi romani non avessero messo radici, nei marciapiedi che li ospitano, tanto esteso è il loro rigoglio. In alcuni casi, poi, e anche in pieno centro, dei fiorai somigliano tanto a uno di quei sogni ad occhi aperti alla "Alice attraverso lo specchio", in cui i fiori parlano e sono anche piuttosto antipatici e autoritari.

L'operazione denominata "Mimosa" della Polizia Municipale del I Gruppo di Roma ha messo la parola "pausa" (se non fine) ad abusi del genere. Almeno per un po'. 10.276 bouquet di fiori sono stati sequestrati, da 68 diversi esercizi. Le irregolarità riscontrate sono state di vario tipo.

Le più gettonate fra di esse sono state, nell'ordine: affissione abusiva; prezzi non bilingui; occupazione di suolo pubblico; decibel di rumore superati. Anche se siete belli, cari fiori, non vuol dire che la Legge deve chiudere un occhio per voi. Sperando naturalmente che la cosa non finisca in tragedia.

  • shares
  • Mail