Festa del Papà a Roma: i bignè di San Giuseppe più buoni da regalare e mangiare con papà

Da tempo la maggior parte di feste e ricorrenze è scandita dai dolci che fanno bella mostra sulle vetrine delle pasticcerie, allertando la memoria e il naso, e quando si avvicina il 19 marzo e la festa del papà, fanno la loro trionfale comparsa ovunque le mille versioni dei dolci di San Giuseppe, dalle Zeppole napoletane agli Sfinci siciliani.

Festa_del_papà_bigne_di_san_giuseppe


Le origini religiose della festa si sono un po’ perse, ma non la convivialità della ricorrenza, e screzi, incomprensioni, dissapori con il proprio genitore spesso vanno in stand by il 19 marzo, soprattutto se a sedare gli animi e gli umori dei romani, con la scusa delle tradizioni, ci sono i mitici bignè di San Giuseppe, vere bombe fritte stracolme di crema, da regalare e sbafare con il proprio paparino.

Nella Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami al Foro, la confraternita dei Falegnami organizzava festeggiamenti e banchetti a base di frittelle e bignè del cosiddetto "San Giuseppe frittellaro" e una tradizione ricordata dal Belli quanto dalla preghiera a "San Giuseppe frittellaro" di Checco Durante che riporto alla fine di questa segnalazione.

Ad ogni angolo della capitale non si trovano più i “frittellari” come una volta, soprattutto al Trionfale che non rinuncia ai festeggiamenti nei pressi della basilica dedicata al santo, ma è comunque difficile in questo periodo non lasciarsi tentare dai Bignè di San Giuseppe in bella mostra sul banco di ogni gourmet che si rispetti, anche nella versione light al forno o per intolleranti al lattosio, che come al solito qualcuno prepara meglio di altri.

Per esperienza personale e di palati fidati, mi vengono in mente la Pasticceria Regoli a Via dello Statuto, la pregiatissima Cristalli di Zucchero in Via di Valtellina 144 e Via di San Teodoro 88, le tre sedi de Er Pozzo der Gelato, Tornatora a via Oderisi da Gubbio, Dolci Desideri a Monteverde Vecchio e Cadorina in via Attilio Ambrosini. Secondo voi chi prepara il bignè di san Giuseppe più buono?

Io in genere dispenso abbracci e grassocci bignè per la festa del papà, una tradizione che si protrae dall’infanzia, quando accompagnavo alla cosa anche qualche ‘orrendo’ lavoretto fatto a scuola per l’occasione, ma se avete qualche dritta o consiglio apprezzabile per regali ed eventi, potrei anche decidere di arricchire il panierino del mio papà …

Intanto visto che ci sono auguro una ‘dolce’ giornata a tutti i Giuseppe, i Peppe, i Beppe, i Peppino, i Pino, i falegnami e ovviamente a tutti i papà oltre al mio, mentre ‘mariccomanno’ al santo protettore dei poveri, degli emigranti (dopo la fuga dall’Egitto), delle famiglie, dei falegnami e degli artigiani in genere, quindi ci metto pure tutti i pasticceri ;)

San Giuseppe frittellaro
tanto bbono e ttanto caro,
tu cche ssei così ppotente
da ajutà la pora ggente,
tutti pieni de speranza
te spedimo quest’istanza:
fa sparì dda su la tera
chi ddesidera la guera.

Fa vvenì l’era bbeata
che la ggente affratellata
da la pace e dar llavoro
non ze scannino tra lloro.
Fa ch'er popolo italiano
ciabbia er pane quotidiano
fatto solo de farina
senza ceci né saggina.

Fa cche ccalino le tasse
e la luce, er tranve e'r gasse;
che ar ttelefono er gettone
nu' lo mettano un mijone,
che a ppotè legge er ggiornale
nun ce serva 'n capitale.

Fa che tutto a Campidojo
vadi liscio come ll’ojo:
che a li ricchi troppo ingordi
je se levino li sordi
pe’ ccurà quer gran mmalato
che sarebbe l’impiegato,
che così l’avrebbe vinta
p'allargasse'n po’ la cinta.
Mo quer povero infelice
fa la cura dell’alice
e la panza è ttanto fina
che se ’ncolla co’ la schina.

O mmio caro San Giuseppe
famme fa 'n ber par de peppe (scarpe),
ma fa ppure che er pecione (carzolaro)
nun le facci cor cartone
che sinnò li stivaletti
doppo 'n mese che li metti
te li trovi co li spacchi
ssenza sola e ssenza tacchi.

E fa ppure che'r norcino
er zalame e er cotichino
ce lo facci onestamente
cor maiale solamente
che ssinnò lì drento c’è
tutta l’arca de Noè.

Manna er ffreddo e mmanna er zole,
tutto quello che cce vole
pe’ ffa bbene a la campagna
che ssinnò qqua nun ze magna.

Manna l’acqua che ricrea
che sinnò la Sora ACEA
ogni vorta che nun piove
se’mpressiona e ffa le prove
pe’ ppoté facce annà a lletto
cor lumino e'r mmoccoletto.

O ggran santo bbenedetto
fa che ognuno ciabbia un tetto,
la lumaca affortunata
cià la casa assicurata
cha la porta sempre appresso…
fa ppe’ noi puro lo stesso:
facce cresce su la schina
una cammera e ccucina.

Fa che l’oste, bbontà ssua,
pe’ fa er vino addopri l’uva,
che ssinnò, quanno lo bbevi,
manni ggiù l’acqua de Trevi.
Così er vino fatto bbene
fa scordà tutte le pene
e tte mette l’allegria.
Grazie tante….
…………..Accusì ssia !!!!!!

  • shares
  • Mail