Catello Miotto, ex di Amici, ai domiciliari per stupro

È proprio vero: passi una vita a studiare (si fa per dire una vita) e per qualche minuto di follia agevolata da una sbronza, ti rovini per sempre. È quello che è accaduto poco più di una settimana fa a Catello Miotto, ex ballerino di Amici edizione 2003, arrestato a Viterbo con l’accusa di violenza sessuale.

Miotto, ormai 25enne e trasferitosi a Bagnaia, in provincia di Viterbo, dalla natale Torre Annunziata, ha trascorso la notte di venerdì 27 febbraio a fare baldoria per locali con un amico. Al termine della serata si è fatto accompagnare a casa, ma invece ha suonato alla porta dell’ex moglie dell’amico, rimasta a casa per accudire la figlioletta.

Dopo le prime avances che la donna, 33 anni, ha decisamente respinto, Catello l’ha trascinata in camera da letto dove si è consumata la violenza. A salvare la vittima è arrivato l’ex marito che ha preso a pugni il ballerino. Miotto è stato condotto nel carcere di Mammagialla a Viterbo, ma giovedì scorso è stato scarcerato e gli sono stati concessi i domiciliari a casa della madre a Torre Annunziata.

Se anche voi, come me, non ricordavate affatto chi fosse Miotto, eccovi accontentati: Catello, detto Lello, partecipò alla terza edizione del programma di Maria De Filippi come ballerino perché voleva “fare finalmente qualcosa di buono nella vita”. Alla faccia. All’epoca disse anche che tra carriera e amore avrebbe scelto la prima perché si sentiva “ancora troppo piccolo”. Alla faccia un’altra volta.

Si dimostrò irrequieto e diede non poco filo da torcere agli autori e ai giudici della scuola, durante la quale gli venne attribuito anche un flirt con la collega cantante Alessia Orlandi. Dopo Amici è finito di fatto nel dimenticatoio diventando, per dirla con un’espressione esilarante che ho letto sul Corriere della Sera, un ‘morto di fama’, non fosse per una gag di Fiorello con il maestro Enrico Cremonesi che lo vedeva protagonista.

Foto | Viterbooggi.it

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: