Tariffe taxi in tre anni a +55 per cento

campidoglio In tre anni il costo medio di una corsa taxi a Roma è aumentato in maniera davvero eclatante: di ben il 55 per cento. A dirlo è l'associazione di consumatori Adoc, che oggi ha avuto un incontro in Campidoglio per discutere il recente adeguamento del piano tariffario taxi.

Questo senza considerare che solo tre anni fa era stato previsto un aumento del 10 per cento e per quest'anno il nuovo piano ipotizza appunto un 'ritocco' del 36 per cento. “In base ai dati forniti dai tassisti il costo attuale di una corsa media fino a cinque chilometri e' di 7,70 euro. Con gli aumenti previsti il costo medio passera' a 10,50 euro”, ha spiegato Carlo Pileri, presidente Adoc.

No da parte delle associazioni dei consumatori anche per i rincari previsti per la tratta Fiumicino aereoporto-cento città (+12. 5 per cento, che li rende più cari dei costi che si pagano con un Ncc, noleggio con conducente).

“Con l'aumento a 45 euro, prendere il taxi all'aeroporto di Roma costera' il doppio che a Barcellona e Madrid, il 60 per cento in piu' della media europea, con la sola Londra piu' cara – ha detto Pileri, che ha anche chiesto la ricevuta automatizzata, con costo della corsa, chilometri percorsi e soprattutto identificativo della vettura.

“Nessun dipendente, nessun lavoratore autonomo e nessun commerciante ha mai ricevuto aumenti cosi' cospicui, neanche in 15 anni di rinnovi contrattuali – ha concluso - Il servizio taxi si sta trasformando in un servizio di lusso per pochi eletti”.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: