6 marzo 2010 Manifestazione a Piazza SS. Apostoli contro nocività e devastazioni ambientali del Lazio

manifestazione_flickr_berther

I progetti di aeroporti futuristici, super strade, centrali turbogas e a carbone, inceneritori e nuove discariche, la privatizzazione dell’acqua o l’annosa diatriba sul nucleare, hanno messo a dura prova gli abitanti del Lazio, riuniti in comitati pronti a resistere e farsi sentire.

Assemblea permanente NO FLY Campino, Comitato Fiumicino Resiste NO AL PORTO, Comitato NO COKE Alto Lazio, Comitato NO CORRIDOIO ROMA-LATINA, Comitato RISANAMENTO AMBIENTALE Guidonia, Coordinamento CONTRO L’INCENERITORE d’Albano, Rete dei Cittadini NO TURBOGAS Aprilia, Rete per la TUTELA della VALLE DEL SACCO.

Saranno tutti in Piazza SS. Apostoli sabato 6 marzo alle ore 15:00, nella Manifestazione Unitaria dei Movimenti contro le nocività e le devastazioni ambientali del Lazio, per protestare contro i provvedimenti della Regione Lazio nocivi per la saluta e l’ambiente, schierati contro le multinazionali che si nascondono dietro ogni grande opera: ENEL, ENI, COLARI, CALTAGIRONE, AMA, ACEA, SORGENIA, IMPREGILO, ANSALDO…

Al presidio hanno aderito anche il Movimento per il diritto all'abitare, il Comitato 5 Aprile per la salute e la sicurezza sui posti di lavoro, il Forum per l'acqua pubblica che scenderà in piazza anche il 20 marzo 2010, l'Ass.ne La Spinosa per l'ambiente di Velletri, il Comitato Marina Velka senza fango di Tarquinia, il Comitato Malagrotta, l'Associazione ViviMassimina … solo per citarne alcuni.

L’evento darà anche spazio e voce alla presentazione del libro "In prima persona - lotte e vertenze dei comitati territoriali nel Lazio" di Daniele Nalbone e Ylenia Sina, e alla musica e le parole al vetriolo di Ascanio Celestini.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail